Nuova accusa per il figlio di Beppe Grillo, il cerchio delle vittime si allarga

Si allarga l’accusa di violenza carnale di gruppo in cui è coinvolto anche il figlio di Beppe Grillo. Le ragazze abusate sarebbero due

Ciro Grillo, nuova accusa
Ciro Grillo (foto Facebook)

Spuntano nuove accuse di violenza ai danni del figlio di Beppe Grillo colpevole di violenza sessuale di gruppo ai danni di una giovane studentessa a luglio 2019. Ciro Grillo è accusato con i suoi tre amici – Edoardo Capitta, Francesco Corsiglia e Vittorio Lauria Tutti – di aver abusato a turno, di una studentessa milanese 19enne di origine scandinava agganciata a Porto Cervo al Billionaire.

Leggi anche —> Gloria Pompili, non voleva prostituirsi, brutalmente uccisa davanti ai figli

La giovane, in compagnia di un’amica, aveva deciso di proseguire la nottata nella grande villa di Grillo poco distante dal locale ma completamente ubriaca dall’alcol era stata abusata dai quattro ragazzi contro la sua volontà. Alcuni giorni dopo i fatti scatta la denuncia alla stazione Duomo dei Carabinieri e parte il processo ai danni dei quattro.

Trovate le immagini accusatorie in uno dei cellulari dei ragazzi indagati

Milano accoltella moglie suocera
Carabinieri (Vincenzo De Bernardo – Adobe Stock)

Però lo scorso 6 novembre con la chiusura delle indagini sono emersi nuovi elementi riguardo quella notte di un anno fa e raccontati in anteprima dal quotidiano La Verità. Sembrerebbe infatti che quella sera la vittima fosse in compagnia di un’amica che però non aveva sporto denuncia.

Secondo quanto emerso in queste ore, pare che i ragazzi abbiano compiuto anche “atti di violenza in danno dell’amica” della studentessa. Nei documenti del gip si farebbe menzione ad un aspetto molto inquietante. “In particolare Grillo, alla presenza di Capitta che scattava fotografie per immortalarlo e di Lauria, appoggiava i propri genitali sul capo di R. M., la quale, in stato di incoscienza perché addormentata, era costretta a subire tale atto sessuale”.

Leggi anche —> Frosinone, omicidio del piccolo Gabriel: condannato all’ergastolo il padre

Modena tentato omicidio compagna
Carabinieri (Shjmira – Adobe Stock)

Le immagini sarebbero inoltre state rinvenute su un telefono di uno dei ragazzi. Ora si attendono le mosse dei difensori dei quattro, altrimenti ci sarà il rinvio a giudizio con il prolungamento del processo per gli indagati che al momento sono agli arresti domiciliari. Il quotidiano fa sapere che la seconda ragazza non avrebbe sporto denuncia e quindi si attende di interrogarla per capire anche la sua versione dei fatti avvenuti in quella sera nella villa dell’ex comico.

 

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.