450 migranti evacuati dalle forze dell’ordine: l’operazione suscita polemiche

450 migranti sono stati evacuati violentemente dalla polizia francese a Place de la Republique, Parigi.

LEGGI ANCHE >>> USA 2020. Donald Trump autorizza transizione dei poteri a Joe Biden

Ieri, 23 novembre, un campo di migranti è stato smantellato con violenza dalla polizia francese. È successo a Place de la République. La famosa piazza parigina è stata occupata da un impressionante numero di tende. Utopia56, che combatte quotidianamente per salvaguardare i diritti degli sfollati, ha manifestato sul posto contro l’IGPN (Inspection Générale de la Police Nationale). Tra le richieste dell’associazione abbiamo l’immediata creazione di 1000 posti alloggio. A seguire il Twitter del ministro dell’interno francese, Gérald Darmanin.

LA VIOLENZA DELL’EVACUAZIONE DA PARTE DELLE FORZE DELL’ORDINE

TI POTREBBE INTERESSARE >>> Bambina di 9 anni muore dopo aver sbattuto la testa durante la ricreazione

Gli attivisti, i funzionari eletti e gli avvocati hanno chiesto l’attuazione di un sistema di prima accoglienza profughi, nonché la subitanea cessazione della violenza perpetrata dalla polizia nei loro confronti. Difatti, secondo quanto riporta l’associazione francese a favore degli esiliati, l’elevata cifra di senzatetto è strettamente correlata all’evacuazione a Saint-Denis, la cui operazione ha lasciato per strada circa 700, se non addirittura 1000 persone lo scorso martedì, 17 novembre. Lo smantellamento del campo illegale è avvenuto intorno alle 21.30. La violenza è inesprimibile: le 500 tende blu sono state rimosse con la forza; spesso con ancora gli esiliati al loro interno. Su Twitter, Gérald Darmanin definisce “scioccanti” le immagini dell’evacuazione di lunedì.

Il ministro dell’interno francese invita il capo della polizia a riferire i fatti accaduti tramite un “rapporto dettagliato entro mezzogiorno”.

LEGGI ANCHE >>> Bambino di 8 anni morto annegato in una vasca da bagno

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Fonte cnews.fr