Covid: come curare i primi sintomi a casa, in attesa del tampone

Anticipare il Covid attraverso delle cure a casa, prima di sottoporsi al tampone, è possibile: lo rivela la ricerca condotta da un’équipe di medici

Farmaci Covid
Farmaci Covid (Getty Images)

Battere sul tempo il Covid, e farlo attraverso delle cure domestiche: un nuovo documento sarà presto pubblicato dalla rivista “Clinical and Medical Investigation” . I medici dell’Istituto Mario Negri e dell’ospedale Papa Giovanni XXIII hanno lavorato per stilare questo protocollo, che consente a chi manifesta i primi sintomi di iniziare delle terapie da casa: lo si può fare mentre si attende l’esito del tampone.
A breve avverrà la pubblicazione del documento, che potrebbe rivelarsi fondamentale nella riduzione del sovraffollamento degli ospedali.

LEGGI ANCHE> Vaccinazioni anti-Covid, Fauci: “In Italia potrebbero iniziare già a dicembre”

Covid, in arrivo un protocollo di cure domestiche

Covid cure a casa
Covid, cure a casa (Getty Images)

L’équipe di medici che ha stilato il protocollo, ha ascoltato le innumerevoli richieste che ogni giorno giungono all’interno degli ospedali. Le persone, che non possono conoscere nell’immediato l’esito del tampone, seguiranno dunque queste linee guida già al manifestarsi dei primi sintomi. Ed inizieranno così le cure direttamente da casa.

Il primo passo, secondo gli esperti, rimane l’assunzione di antinfiammatori, come Aulin o l’aspirina – in tal caso, la tachipirina non è indicata, poiché il paracetamolo non è in grado di agire sull’enzima che scatena l’infezione da Covid.

Successivamente, è bene sottoporsi a controlli di routine, come il semplice prelievo del sangue. Se la situazione degenera, i medici prescrivono l’uso del cortisone o dell’eparina. Ad alcuni soggetti è possibile somministrare l’Azitromicina, un antibiotico, o addirittura prescrivere l’utilizzo dell’ossigeno.

LEGGI ANCHE> Un nuovo algoritmo per prevedere se si ha il rischio di sviluppare una forma grave di Covid-19

Ospedale
Ospedale (Getty Images)

Questo protocollo è già stato testato su circa 50 soggetti in attesa dell’esito del tampone, che si è poi rivelato positivo. Ciascuno di loro è riuscito a guarire, senza dover ricorrere alle cure ospedaliere.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter