Sputnik V: il vaccino russo sarebbe efficace oltre il 95%

Notizie rassicuranti dalla Russia: il vaccino anti Covid19 avrebbe dimostrato un’efficacia superiore al 95%

russia sputnik V
(Getty Images)

Il vaccino russo, lo Sputnik V, si sarebbe dimostrato efficace oltre al 95%: sono questi i risultati della seconda indagine condotta su oltre 18mila volontari. Si tratta di una notizia rassicurante in un periodo di grandi attese intorno al vaccino, specie dal punto di vista dell’efficacia e della sicurezza.

La formula, sviluppata dal Gamaleya Research Institute di Mosca, sarebbe stata analizzata per la seconda volta, dopo una prima indagine condotta su 20 casi affetti da coronavirus; questa volta, i dati sono stati estrapolati da 39 casi, sui 18 mila volontari: 8 fra i vaccinati e 31 nel gruppo placebo, con un rapporto di 1:3.

In sostanza, ciò significa che si giunge ad una efficacia superiore al 91% nel caso di somministrazione effettuata 7 giorni dopo la prima dose; di oltre il 95%, invece, con somministrazione effettuata 21 giorni dopo la seconda dose. Un risultato importante dunque per il mondo intero, come dichiara Kirill Dmitriev, il Ceo del Fondo russo che finanzia lo Sputnik.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> DPCM NATALE, IN ARRIVO LE NUOVE REGOLE DEL GOVERNO PER LE FESTIVITÀ

Russia: notizie rassicuranti per il vaccino Sputnik V

russia sputnik V
(Getty Images)

La Russia annuncia i risultati dello Sputnik V: avrebbe dimostrato un’efficacia superiore al 95%; fornisce, quindi, una ragionevole speranza che possa finalmente essere somministrato un vaccino anti Covid19.

Le analisi dei dati vengono condotte secondo tre fasi precise: al raggiungimento cioè, sia nell’ambito del gruppo placebo e in quello in cui è stato somministrato un vaccino, di 20, 38 e 78 casi di contagio dal virus; si attende quindi il raggiungimento della terza fase ed ultima fase.

russia sputnik V
(Getty Images)

Lo Sputnik V si baserebbe su 2 adenovirus umani, Ad5 e Ad6, veicolanti un gene che riconosce il virus, e prevedrebbe la somministrazione di due dosi a distanza di 21 giorni;  a differenza di quanto accade per gli altri vaccini, che si basano ugualmente su adenovirus ma in cui le due dosi si sviluppano sullo stesso vettore, il vaccino russo – stando alle dichiarazioni di Dmitriev – sarebbe unico proprio per la maggiore efficacia a lungo termine che l’utilizzo di due diversi vettori garantirebbe.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> BILL GATES E LA PROSSIMA PANDEMIA: “VI DICO QUANDO SARÀ”

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter