In Portogallo per riconquistarla: 67enne italiano uccide la ex compagna, poi si toglie la vita

Un uomo di 67 anni italiano avrebbe ucciso la ex compagna di 40 anni dopo averla raggiunta in Portogallo, dove la donna si era trasferita.

Portogallo compagna italiano omicidio suicidio
Polizia portoghese (Getty Images)

Omicidio-suicidio a Peniche, in Portogallo, dove un uomo italiano di 67 anni ha ucciso l’ex compagna e poi si è tolto la vita sparandosi alla testa. I fatti si sarebbero svolti lunedì sera, quando l’uomo che era arrivato sei mesi fa in Portogallo, aveva convito l’ex, una donna ucraina di 40 anni, a vedersi per un ultimo appuntamento. Tra i due è iniziata una discussione all’interno del camper, al culmine della quale il 67enne ha estratto una pistola ed ha sparato alla donna. Pochi istanti dopo, ha rivolto l’arma contro sé stesso e si è tolto la vita. I corpi sono stati ritrovati la mattina successiva da un passante che ha avvertito i soccorsi. Giunti sul posto, i medici hanno trovato la donna ancora in vita che è poi deceduta in ospedale, dove era stata trasportata.

Leggi anche —> Uccide la compagna e si costituisce con le mani sporche di sangue: arrestato un 33enne

Portogallo, 67enne uccide la ex compagna e si toglie la vita: l’aveva raggiunta per riconquistarla

Ambulanza Portogallo
Ambulanza portoghese (Getty Images)

Ha raggiunto la sua ex compagna sino in Portogallo e, dopo averla convinta a vedersi per l’ultima volta, l’ha uccisa ed infine si è tolto la vita. Questo è quanto sarebbe stato messo in atto da un infermiere in pensione di 67 anni residente a Cremona che, sei mesi fa, si era recato in Portogallo per riconquistare la sua ex, una donna ucraina di 40 anni che, nel frattempo si era risposata. L’uomo, secondo la ricostruzione degli inquirenti, riportata dalla redazione de Il Giorno, avrebbe convinto lunedì sera la donna a rivedersi per un ultimo appuntamento, così l’ha raggiunta a lavoro con il suo camper, dove aveva vissuto negli ultimi sei mesi.

Dopo aver parcheggiato in un parcheggio di Peniche, nella provincia di Estremadura, tra i due sarebbe scoppiata una lite, al culmine della quale il pensionato avrebbe impugnato una pistola e sparato alla ex compagna. Successivamente l’uomo ha rivolto l’arma contro sé stesso e si è tolto la vita sparandosi alla testa.

A scoprire quanto accaduto, nella mattinata di martedì, come riporta Il Giorno, un passante che ha subito chiamato i soccorsi. Sul luogo della tragedia sono arrivati i medici portoghesi che hanno ritrovato la 40enne ancora in vita e l’hanno trasportata d’urgenza in ospedale, dove purtroppo è deceduta poco dopo durante un intervento chirurgico. Deceduto, invece, sul colpo il 67enne di cui è stato costato il decesso già sul posto.

Intervenuti anche gli agenti della Polizia di Peniche che hanno avviato le indagini per accertare con esattezza la dinamica dei fatti, ancora del tutto da chiarire.

Leggi anche —> Femminicidio nella notte: uomo uccide la moglie con una coltellata al petto

Polizia Portogallo
Polizia portoghese (Getty Images)

Dai primi accertamenti pare che l’uomo non avesse accettato la fine della relazione con la ex compagna e già durante i sei mesi trascorsi in Portogallo aveva provato a riconquistarla invano.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.