Maradona: Claudia Villafane, il suo angelo custode anche nella camera ardente

Claudia Villafane è stata molto più di una moglie per Maradona difendendo l’immagine del Dios del Calcio anche durante i funerali.

 

Maradona Claudia Villafane angelo custode
Maradona e Claudia Villafane ( Instagram @soldadoded10s)

Claudia Villafane, come tutti sanno, è stata la prima fidanzata e moglie di Diego Armando Maradona, nonché l’unica donna ad essergli rimasta fedele moralmente nel corso degli anni. Dopo il divorzio, il succedersi di altre compagne nelle sua vita, i problemi con la droga  e le varie incomprensioni, adesso Claudia non scappa e lo difende come farebbe soltanto un genitore dagli sguardi indiscreti anche dopo la sua morte. Un amore che va oltre l’amore, ecco il legame che Diego, il Dios indiscusso del Calcio, non ha mai smesso di rivendicare pubblicamente nei confronti di questa donna.

Leggi anche —>>> Angelina Jolie: le sconcertanti rivelazioni sull’operazione chirurgica

Claudia per Maradona al di là del matrimonio: un’amica e una madre, un angelo custode

Claudia non ha smesso di restargli accanto nemmeno dopo la morte. Piuttosto è stata l’unica a gestire le dinamiche riguardanti la camera ardente. Conosceva Diego come fosse figlio suo. Fin dall’adolescenza aveva scoperto i suoi punti deboli ma anche i suoi pregi, e sapeva alla perfezione cosa detestava. Ugualmente l’ex moglie, accerchiata più volte da questioni scomode, da paparazzi indiscreti, e non soltanto in seguito al divorzio con Maradona: aveva già dimostrato il suo coraggio e la sua determinazione, non lasciando passare le ingiustizie o le varie e più piccole speculazioni sul suo conto.

Stavolta avrebbe fatto lo stesso, non solo per la sua dignità, ma specialmente per quella del suo amato Diego. Villafane si era da tempo e felicemente ricostruita una vita, un nuovo marito, un nuovo lavoro e delle passioni consistenti. Eppure, nel suo cuore non poteva permettere un simile scempio, a quello che una volta era stato il suo unico punto saldo. La sera di mercoledì al funerale di Maradona, a trent’anni di distanza dal giorno delle loro nozze (celebrate durante l’ormai fatidico mese di novembre), Claudia ha dovuto inserire delle severe restrizioni per il rispetto della privacy del campione assoluto. Villafane ha letteralmente preso le redini della situazione.

Potrebbe interessarti —>>> “Non voleva più vivere”: la sconcertante verità su Maradona

Per evitare indiscrezioni ha vietando l’utilizzo di smartphone durante la cerimonia, spingendosi fino a dover allontanare dalla camera ardente l’ex di Diego, Rocio Oliva. Vista da lei come una donna che lo aveva incoraggiato verso l’uso di stupefacenti. Purtroppo le limitazioni non sono state sufficienti: uno scatto di cattivo gusto con la salma di Diego è giunto a Claudia, che ha promesso di far pentire i colpevoli di un simile gesto.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter