Pandemia, Ilaria Capua: “Somministrazione vaccini? Durerà per tutto il prossimo anno”

Ilaria Capua ha rilasciato una lunga intervista al Corriere della Sera parlando degli attacchi ricevuti e del quadro generale della pandemia da Covid-19: non sono mancate considerazione anche sui vaccini.

Covid-19
Ilaria Capua (foto dal web)

La Dottoressa Ilaria Capua è stata raggiunta dalla redazione de Il Corriere della Sera a cui ha rilasciato un’intervista in cui ha toccato numerosi argomenti relativi alla pandemia da Covid-19. Non sono mancate considerazioni in merito agli attacchi ricevuti sul piano personale. In particolare in tanti avrebbero avuto spesso da ridire sulla sua tesi di laurea in veterinaria. Un punto su cui lei ribatte fermamente, affermando che a 18 anni la strada che si sceglie di percorrere a livello personale non è un punto d’arrivo bensì di partenza.

Leggi anche —> Pandemia, ritorno alla normalità: la previsione degli scienziati è spaventosa

Ilaria Capua: “Evito di parlare di cose irrilevanti”

Coronavirus
(Getty Images)

Il fatto di essere davanti ad una delle più grande pandemie registratesi sul Pianeta, mi porta ad evitare di parlare di cose irrilevanti“. Questa la risposta di Ilaria Capua a tutti coloro che l’hanno presa di mira per la sua tesi di laurea a 23 anni in veterinaria. La dottoressa ha aggiunto poi che si tratterebbe solo di uno spreco di energie, ciò che importa adesso è essere uniti e marciare tutti nella stessa direzione. La confusione, ha chiosato fa solo male.

Sul punto la dottoressa avrebbe richiamato, a seguito della domanda del suo intervistatore circa la capacità delle parole di ferire, un episodio di grande rilievo mediatico che vide coinvolta quando era parlamentare. “Qualcuno ricorderà lo tsunami che mi travolse – afferma la Dottoressa Capua al Corriere della Sera- l’inchiesta giudiziaria con accuse che addirittura prevedevano l’ergastolo. Sono stata infangata per più di due anni mentre ero parlamentare. Un dolore senza eguali“. Un periodo superato solo con la resistenza passiva, ha dichiarato, anche se poi ha dovuto lasciare l’Italia.

La ex virologa, come lei stessa si definisce, ha puntualizzato anche di non aver bisogno oggi di costruirsi una carriera. Lei il suo contributo lo sta apportando, per il resto degli attacchi e degli insulti non le importa alcunché.

La dottoressa Ilaria Capua è stata la chiave di volta nell’individuare la sequenza genica dell’aviaria, aprendo le porte all’open science. Una rivoluzione in campo medico che oggi ha permesso, tramite quegli strumenti, di gestire il Covid grazie appunto ai nuovi protocolli. Nonostante ciò la dottoressa rimane realista ed afferma che il virus continua ad imperversare. Soprattutto in America dove la sua onda di contagio è di proporzioni epiche.

Piano di vaccinazione

Soffermandosi sulle vaccinazioni, per Ilaria Capua non sarà facile da ottenere una copertura totale, per raggiungere la cosiddetta immunità di gregge almeno il 75% della popolazione dovrebbe essere vaccinata. Una somministrazione in termini di tempo che si traduce in un piano che avrà corso per tutto il 2021.

Quanto alla sicurezza dei vaccini, la Capua ha dichiarato al Corriere della Sera, che non vi è nulla da temere. La trasparenza oggi è alla base di tutto e le aziende farmaceutiche ne sono ben a conoscenza.

La rinascita negli USA

La dottoressa è tornata poi a parlare di aspetti più privati, affermando che negli USA la sua laurea in veterinaria non è mai stata un limite, riprova ne è la sua carica di direttrice dell’ One Health Center. Oltre Oceano afferma di aver trovato proprio quello che ha sempre cercato. Una multidisciplinarità che ai tempi d’oggi è vitale. Cosa si sceglie di fare appena maggiorenni, ha chiosato, non è l’arrivo ma la partenza. Ciò che si è lo si misura con il tempo e gli studi, con la dedizione e la determinazione. Infine Ilaria Capua ha chiosato su una delle curiosità che più la riguardano. Il motivo per cui si fa definire ex virologa.

Leggi anche —> Bollettino del 30 novembre: tornano in calo i soggetti attualmente positivi

La risposta è semplice: “Non dirigo laboratori di virologia da alcuni anni anche se quello resta un mio bagaglio. Oggi coordino un centro interdisciplinare che si pone quale obbiettivo quello di abbattere le barriere che dividono la salute di persone, piante, animali. La salute – ha dichiarato a Il Corriere- è un qualcosa di circolare“.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.