Bara abbandonata tra i rifiuti. Insorgono i parenti di un’anziana morta in una RSA

Bara abbandonata tra i rifiuti. Una scena raccapricciante ha sconvolto i nipoti di una signora di 87 anni, morta in una RSA per Covid

Bara abbandonata
Bara a Montebuono – Foto dal Web

La signora Tesolina Bernardini si è spenta all’età di 87 anni in una residenza sanitaria assistenziale in seguito a complicanze dovute al Covid19. La donna è deceduta giorno 2 dicembre alle ore 11 ma i parenti hanno ricevuto l’informazione relativa alla sua morte solo alle 15. Era stata data notizia della positività al Coronavirus da parte dell’anziana il 30 Novembre scorso. Tutta la struttura era stata interdetta alla visita di familiari poiché altri ospiti erano risultati infetti.

I nipoti della signora Tesolina, quindi, hanno telefonato tutti i giorni per avere notizie sullo stato di salute della propria congiunta, ricevendo sempre rassicurazioni. Gli operatori, infatti, sostenevano che fosse asintomatica. I parenti non si aspettavano completamente che la signora potesse morire così improvvisamente. Giunti nella RSA di Montebuono, in provincia di Rieti, per dare l’estremo saluto e portare il feretro in chiesa, si sono trovati davanti una scena raccapricciante.

LEGGI ANCHE -> Imola coprifuoco violato, Carabinieri li fermano ma il motivo è assurdo

Bara abbandonata tra i rifiuti. La denuncia dei parenti

Pensioni: sono il 17% del Pil nel 2020, un vero record
Mani di signora (foto Pixabay)

La bara che conteneva la salma della signora Bernardini era stata portata fuori da un’uscita posteriore, abbandonata in mezzo ad una montagna enorme di rifiuti maleodoranti, come se anche lei fosse stata spazzatura da smaltire. I parenti hanno dichiarato: “Come hanno potuto fare una cosa del genere? Se non potevano allestire una camera ardente, perchè non fare uscire il feretro solo poco prima di portarlo in chiesa? Mai avremmo immaginato di salutare zia Tesolina in questo modo. C’era una puzza terribile”.

I dirigenti della RSA si sono difesi dicendo che la società che deve smaltire i rifiuti si è rifiutata di venire perchè la struttura ha pazienti positivi al Covid, dichiarando poi che è di competenza dell’ASL.

LEGGI ANCHE –> L’omicida di Noemi Durini chiede di lavorare fuori dal carcere: la famiglia si oppone

longevità Italia covid zangrillo
Anzianità (Getty Images)

I parenti hanno comunque inoltrato denuncia nei confronti della residenza sanitaria assistenziale di Montebuono. Tra operatori e ospiti sono 36 le persone infettate dal virus, alcune delel quali sono state trasferite in altre srutture ospedaliere.

Di Tesolina rimane una triste immagine di una bara con su delle gerbere rosa e fucsia con sacchi di spazzatura sullo sfonfo.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter