Matrimonio a Prima Vista, Giorgia Pantini a Yeslife : “Vi racconto la mia verità”

YesLife Magazine ha intervistato Giorgia Pantini, direttamente dall’ultima edizione di Matrimonio a prima vista. Ci ha raccontato come sta, progetti futuri e nuove amicizie

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Off. Fanpage🌊Giorgia Pantini✨ (@giorgia_pantini_fanpage)

Reduce da poco della fine del programma “Matrimoni a prima vista Italia 2020”, Giorgia Pantini si è raccontata a cuore aperto e ci ha spiegato come sono andate davvero le cose con Luca. Avrebbe voluto un confronto con lui ma non è stato possibile per il clima troppo teso che si era venuto a creare.

I due sono anche stati l’unica coppia che sembrava aver resistito oltre tutte le batoste incontrate durante le settimane condotte durante l’esperimento sociale. Dopo appena un mese dalla fine del programma però anche Luca Cantiano e Giorgia Pantini hanno chiesto il divorzio. In compenso in questi mesi ha stretto una forte amicizia con Nicole Soria e Marco Rompietti. Scopriamo quali progetti ha Giorgia e come sta.

Ciao Giorgia, innanzitutto, come stai? Ti sei ripresa dopo la messa in onda delle puntate del programma?

Adesso sto benissimo, mi sto godendo questa nuova fase. Ovvio che durante la messa in onda è stato difficile riguardare e rivivere quei momenti, col senno di poi anche peggio.

In che rapporti sei rimasta con Luca Cantiano?

Bella domanda! No, con Luca nessun rapporto, l’ultimo raffronto tra me e lui c’è stato con la puntata “Tutta la verità” registrata il 22 novembre e in cui ci siamo parlati, parolone però. Dopodiché nessuno dei duo ha avuto il desiderio di cercarsi perché non è possibile avere un dialogo costruttivo La situazione è complessa. Le uniche cose che so di lui me le mandano alcune mie fan che lo seguono e poi scrinsciottano parti delle dirette che fa. Io non vedo neppure le sue direct su Instagram perché i rapporti non sono distesi tra di noi.

Ti manca? Avresti voluto in cuor tuo proseguire la relazione?

Se mi avessero fatto questa domanda dopo poco che ci siamo lasciati ti avrei detto di sì, perché nonostante tutto quello che era successo, io credevo molto nel nostro rapporto e avrei voluto che avessimo almeno provato a risanare quella ferita che si stava costruendo tra me e lui. Oggi vedendo anche gli sviluppi del post programma, dico che non è la persona di cui mi sono innamorata. Quindi credo sia stata la scelta migliore, perché probabilmente avrei continuato ad idealizzarlo e non a vederlo invece per come è realmente.

Come ha reagito la tua famiglia quando vi siete separati?

La mia famiglia mi ha sempre supportato durante il percorso, anche quando ho deciso di trasferirmi a Velletri, che è a un’ora di macchina da loro, dalle mie amiche e dal mio lavoro. Per amore però non mi è pesato questo cambiamento. Però dopo il secondo mese insieme è stato difficile questo allontanamento e nei pochi incontri con la mia famiglia che ci sono stati, mi vedevano sempre molto distaccata e tesa. Questo perché stare accanto ad una persona che pesa ogni singola virgola di ciò che dici è stressante, è come stare sempre sotto esame. Quindi quando ho chiamato mia mamma per dirle che mi ero lasciata con Luca e che stavo tornando a casa, prima ha fatto finta di dispiacerle, ma poi quando sono rientrata mi hanno vista nuovamente con il sorriso che avevo perso da un po’ di tempo. Erano troppo felici.

Se potessi tornare indietro manderesti ancora la tua candidatura per partecipare? E se sì, cosa cambieresti del tuo modo di porti e farti conoscere?

Se tornassi indietro la rimanderei sicuramente perché questa esperienza ha avuto un’alternanza di aspetti positivi e negativi entrambi importanti, e al di là del coinvolgimento emotivo, rivedendomi ho potuto appuntare tante cose tra cui quella di sembrare fin troppo trascurata. A livello emotivo e caratteriale non mi va di recriminarmi nulla perché io sono quella che si è vista, sarebbe come rinnegarmi, io sono così al 100%. Forse starei un po’ più attenta al look e al make-up perché non era sempre impeccabile come avrei voluto, mi sono spesso sgridata vedendomi in tv: “Giorgia potevi sistemarti un po’ meglio!“. Quello lo cambierei di sicuro. Per il resto invece sono orgogliosa del percorso che ho fatto.

È vero che ti frequentavi con un ragazzo una settimana dopo la rottura con Luca? Durante l’ultimo incontro con gli esperti non hai avuto modo di replicare.

Io in realtà nel programma ho replicato ma hanno fatto un taglia e cuci da cui si è capito abbastanza poco. No, non è vero assolutamente. Forse lo hanno tagliato perché a testimonianza che non fosse vera quell’affermazione ho coinvolto Fabrizio, uno degli esperti. Dopo una settimana che mi ero lasciata con Luca, stavo al telefono con Fabrizio per farmi aiutare ad avere un contatto, quindi dire questo quando io stavo invece cercando di risolverla la nostra relazione mi pare un’affermazione anche abbastanza triste, infatti mi ero anche un po’ risentita. Non so il motivo per cui lui abbia detto ciò e non gliel’ho neppure chiesto perché in puntata non è stato molto facile intervenire nel suo monologo. Lui ha detto che “stavo” con una persona, ma “stare” implica un coinvolgimento, non solo una frequentazione, e questo sarebbe stato come sminuire i sentimenti che c’erano stati fino a poco prima con Luca. Non so neppure chi glielo abbia riferito, Luca il giorno stesso in cui stavamo andando a fare la registrazione di “E poi..” disse che un suo amico lo aveva contattato per riferirgli la cosa. E questo è stato uno dei motivi per cui non ha voluto fare il confronto con me in puntata. Vorrei tanto sapere chi è questo presunto amico, poi noi persone in comune non ne abbiamo eccetto quelle del programma ovviamente. Mi è scattata mezza lampadina ma si è concluso tutto lì, non mi sono neppure fatta troppe domande a riguardo.

Cosa stai facendo ora oltre all’università?

L’università in questo periodo l’ho un po’ messa da parte perché devo solo fare la tesi ma non ho molta ispirazione. Io continuo a lavorare come allenatrice ed essendo in una regione gialla dove gli sport agonistici e propagandistici continuano a fare le sedute di allenamento, io seguo sempre le mie atlete di nuoto e nuoto sincronizzato, quasi tutti i pomeriggi continuo ad andare in struttura. Non è a pieno regime, prima facevo molte più mansioni ma in compenso passo il mio tempo sui social a rispondere ai direct che arrivano copiosi.

Ci racconti com’è nata la tua amicizia con Nicole? Sappiamo da una recente intervista che hai festeggiato con lei a distanza il suo compleanno.

Io e Nicole abbiamo iniziato a costruire questo rapporto più solido solo fuori dal programma. Dalla mia prima firma per la separazione e alla seconda per Nicole, Andrea, Sitara e Gianluca, abbiamo iniziato dal giorno stesso a stare molto tempo al telefono, a scambiarci ansie e preoccupazioni anche per la messa in onda delle puntate, perché un conto è viverle e un conto e rivederle da telespettatrici. Vuoi o non vuoi poi sei in televisione e le persone ti giudicano, è un aspetto da non sottovalutare. Noi non siamo attori, abbiamo messo in mostra le nostre emozioni e anche un solo commento negativo ti ferisce. Quindi da lì è iniziata un’escalation di telefonate e videochiamate e per ovvi motivi il rapporto si è stretto tantissimo. Fino a che la settimana del suo compleanno che aveva in programma di scendere già a Roma, io e la mia mamma pensavamo di organizzarle questo pranzo con il tiramisù e le candeline, ma il nuovo Dpcm ha chiuso le regioni e non è stato possibile. Abbiamo però mantenuto la parola e abbiamo festeggiato lo stesso.

Cosa vi accomuna oltre la condivisone dell’esperienza del programma?

Siamo entrambe due persone sincere nonostante abbiamo modi diversi di approcciare, io molto easy, lei invece molto più curata. Io le ho sempre detto quello che pensavo, anche cose non troppo carine che non mi erano quadrate durante il programma. Io Nicole l’ho vissuta nel privato fuori dal programma, intendo dire che mentre registravamo il programma tra di noi c’erano degli scambi, e a volte avere una versione dal vivo e poi vederne un’altra nella puntata ti confonde, ma è solo un approccio diverso. Ci telefonavamo per ore in piena crisi per tranquillizzarci reciprocamente e alla fine per dirci le stesse cose l’una all’altra. Per rispondere alla tua domanda non sono tante le cose che ci accomunano ma siamo due persone oneste e sincere che hanno vissuto lo stesso programma, abbiamo anche due stili di vita completamente diversi.

Marco Rompietti ti ha dedicato un recente post su Instagram in cui dice che in te ha trovato un’amica dal cuore d’oro. Come vi siete conosciuti?

Marco aveva fatto una storia per vedere la prima puntata del programma ancora a settembre, io gli ho risposto al direct dicendo “Io potrei essere interessata, poi capirai il perché”. Io pensavo di farla franca ma lui ha capito subito anche se ho tentato di sviare e da lì abbiamo iniziato a scriversi e telefonarci, per me è stato un grande punto di riferimento. Ha vissuto l’esperienza prima di me è conosceva tutto l’iter di sviluppo delle emozioni che si provano, io così mi sono affidata completamente a lui. Essendo una persona estremamente gentile ed empatica solo dopo qualche giorno che ci sentivamo sono andata a Terni a trovarlo e abbiamo anche pranzato assieme. È nata così questa amicizia del tutto inaspettata, lui ancora oggi mi sostiene per sapere come sto, consapevole di quello che stiamo vivendo io e Nicole. Per noi due è una figura di riferimento importante, è una persona buona davvero e mi fido ciecamente anche se lo conosco solo da quattro mesi.

Oltre a Marco hai stretto legami con altri ex concorrenti di Matrimonio?

Attraverso Marco ho conosciuto sia Ambra che Cecilia che sono a loro volta molto gentili. Con Ambra ci siamo scambiate alcuni messaggi invece con Cecilia abbiamo fatto più volte la chiamata a quattro. Cecilia mi ha tranquillizzato perché ero consapevole che sarebbe uscito prima o poi che io e Luca avevamo rotto, leggevo commenti positivissimi su Twitter e temevo un pochino il ritorno. Lei a titolo completamente gratuito mi è stata accanto con parole di supporto e gentilezza vera.

Giorgia, che progetti hai per il futuro?

Ho gli stessi progetti che avevo prima del programma, laurearmi e riuscire ad entrare a scuola per fare l’insegnante di educazione fisica a tempo indeterminato preferibilmente. La mia vita sostanzialmente non è cambiata ad oggi, sono ancora dentro un frullatore, mi sto vivendo il momento e non mi aspetto nulla.

—> di Melissa Landolina e Arianna Babetto

 

Per vedere l’intervista completa a Giorgia Pantini guarda il video: