Scatti osé per Sandra Milo che posa nuda per una rivista a 87 anni – LE FOTO

L’attrice commenta nel salotto di Barbara D’Urso la decisione di scattare le foto senza veli per la rivista Flewid. 

L'attrice Sandra Milo è stata molto criticata sul web per le sue foto osé
Gli scatti osé di Sandra Milo (Screenshot Instagram)

Una scelta audace quella di Sandra Milo che si è mostrata senza veli per la rivista Flewid. Tantissime le critiche sul web. L’attrice sarebbe stata accusata di aver ritoccato le foto e sul suo profilo Instagram commenta così: “Rimangiatevi tutte le offese gratuite”.

Nel salotto di Barbara D’Urso l’attrice risponde con il sorriso e ironia alle critiche che le sono state rivolte. Foto ritoccate? No, assolutamente sono tutte naturali“. La donna ha posato per la cover del magazine ‘Flewid’ coperta solo da un lenzuolo bianco su un letto. “Dobbiamo fare quello che ci piace fare, almeno quelle cose che non fanno male a nessuno”, dichiara l’iconica attrice ospite di Barbara D’Urso.

Sandra Milo, nuda a 87 anni

Le foto dell'attrice Sandra Milo che posa nuda per la rivista Flewid
Sandra Milo posa senza veli per la rivista Flewid (Screenshot Instagram)

La conduttrice durante la sua trasmissione ‘Pomeriggio Cinque’ ne ha approfittato per farle i complimenti: “Brava bella di mamma, sinceramente però non me lo aspettavo, complimenti“. 

Intanto Sandra Milo tramite il suo profilo Instagram ha commentato i messaggi poco gentili che le sono stati inviati: “È bello dormire avvolta in vesti bianche dopo aver assunto una posa plastica che i maligni hanno erroneamente creduto fosse un fotomontaggio”. 

Sandra Milo e le pose osé per la rivista Flewid
Il post su Instagram di Sandra Milo che risponde alle critiche (Screenshot Instagram)

Poi aggiunge: “Nella vita bisogna sapersi adattare ai cambiamenti per sopravvivere a tutto. A volte mi ha ferita essere giudicata, in quanto donna, per una che non sapeva invecchiare. Ho lottato duramente per affermarmi contro ogni pregiudizio, mi sono conquistata ogni singola cosa a caro prezzo, ho rivendicato il diritto di essere me stessa nel bene e nel male”. Poi il post si conclude: “I miei detrattori si mettano l’anima in pace! Questa sono e questa resto!”