Bollettino del 15 dicembre: oltre 840 nuovi decessi nelle ultime 24 ore

Il Ministero della Salute, nella giornata di oggi, martedì 15 dicembre, ha aggiornato i dati dell’epidemia da coronavirus in Italia tramite bollettino.

Bollettino coronavirus mappa regione
(Ministero della Salute)

Il Ministero della Salute ha pubblicato l’aggiornamento sull’epidemia da Covid-19. Stando alla tabella sanitaria odierna, il numero dei casi di contagio è salito a 1.870.576, ossia 14.844 unità rispetto a ieri. Prosegue il calo dei soggetti attualmente positivi che ammontano a 667.303 (-7.806), così come i ricoveri in terapia intensiva3.003 in totale e 92 in meno di ieri. Il numero dei guariti è giunto a 1.137.416, ossia 21.799 in più di ieri. Si aggrava ancora il bilancio delle vittime nel nostro Paese con 846 decessi nelle ultime 24 ore che hanno portano il totale dall’inizio dell’emergenza a 65.857.

La Regione Campania, si legge nelle note, comunica che al momento non ha a disposizione i dati quotidiani sugli ingressi in terapia intensiva. La Regione Emilia Romagna segnala, invece, l’eliminazione di 5 casi dei giorni passati, in quanto giudicati non casi Covid-19.

Coronavirus, bollettino: i numeri del Covid-19 in Italia nella giornata di lunedì 14 dicembre

Coronavirus bollettino italia dicembre
(Getty Images)

Il Ministero della Salute ha pubblicato sul proprio sito l’aggiornamento relativo all’epidemia da Covid-19 in Italia ormai da quasi dieci mesi. Stando alla tabella sanitaria di ieri, il numero dei casi di contagio dall’inizio dell’emergenza era salito a 1.855.737. Tornavano in calo, dopo l’aumento di ieri, i soggetti attualmente positivi che risultavano essere 675.109. Diminuivano ancora, invece, i pazienti ricoverati in terapia intensiva che ammontavano in totale a 3.095. Il numero delle persone guarite era giunto a 1.115.617. Nelle ultime 24 ore, purtroppo, si era aggravato ancora il bilancio delle vittime con 491 decessi che portavano il totale dall’inizio dell’emergenza a 65.011.

La Regione Abruzzo segnalava l’eliminazione di 1 caso, in quanto giudicato non caso Covid-19. Per la stessa motivazione, l’Emilia Romagna  eliminava 4 casi. La Regione Campania, infine, non aveva a disposizione i dati quotidiani sugli ingressi in terapia intensiva.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Bollettino del 14 dicembre: in calo i soggetti attualmente positivi

Coronavirus, bollettino: i numeri del Covid-19 in Italia nella giornata di domenica 13 dicembre

Stando alla tabella sanitaria divulgata domenica dal Ministero della Salute, il numero dei casi di contagio dall’inizio dell’emergenza era salito a 1.843.712. Tornavano in aumento i soggetti attualmente positivi che ammontavano a 686.031. Diminuivano, invece, i ricoveri in terapia intensiva che risultavano essere 3.158. Il numero dei guariti era giunto a 1.093.161. Nelle ultime 24 ore si erano registrati 484 decessi che portavano il bilancio totale a 64.520.

La Regione Emilia Romagna, si leggeva nelle note, segnalava l’eliminazione di 1 caso dei giorni passati, in quanto giudicato non caso Covid-19.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Bollettino del 13 dicembre: salgono nuovamente gli attualmente positivi

Natale, il Governo valuta nuove misure in vista delle festività: le ipotesi

Il Comitato tecnico scientifico avrebbe chiesto al Governo di introdurre maggiori restrizioni durante le festività natalizie per scongiurare una terza ondata nelle settimane successive. Il timore degli scienziati è quello di vedere crescere i contagi dopo le feste per via anche di assembramenti dovuti allo shopping. L’esecutivo, come riporta Il Corriere della Sera, starebbe, dunque, lavorando ad un nuovo Dpcm per introdurre la stretta che andrà accostato ad un nuovo decreto legge sulla limitazione delle libertà personali, o ad un emendamento all’ultimo decreto legge emanato il 3 dicembre.

Non è ancora chiaro quali possano essere le nuove misure in vista delle festività, ma pare che sul tavolo del Governo vi siano due ipotesi più concrete, ipotesi sulle quali l’esecutivo sembra essere diviso. La prima, scrive Il Corriere della Sera, è quella di far diventare l’intero territorio nazionale una grande zona arancione con i negozi aperti e gli spostamenti limitati. La seconda, invece, è una grande zona rossa che si tradurrebbe in un nuovo lockdown: divieto di spostamenti se non per comprovate esigenze da dimostrare con autocertificazione. SI starebbe anche valutando l’anticipazione del coprifuoco, attualmente in vigore alle 22, alle 20 o addirittura alle 18. Sul punto, però, il ministro Francesco Boccia ha affermato, come riporta Il Corriere, che il Governo non ha mai discusso di anticipare il coprifuoco alle 20.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —>  Natale, il Governo valuta nuove misure in vista delle festività: le ipotesi

Coronavirus parla Ippolito “senza attenzione ora marzo si ripeterà

Il Professor Giuseppe Ippolito, si è espresso in merito all’imminente inizio delle festività Natalizie in relazione al quadro epidemiologico. Ad avviso del direttore dello Spallanzani di Roma, nonché membro del Comitato Tecnico Scientifico, durante questo periodo vi sarà bisogno di tenere alta la guardia e scongiurare una drastica ricaduta, ossia una terza ondata.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —>  Coronavirus parla Ippolito “senza attenzione ora marzo si ripeterà”

È possibile, quindi, che il tanto agognato allentamento non ci sarà. Per il professore il virus non è andato via, sta continuando ad imperversare oggi come a marzo e continuerà fino alla prossima primavera se le persone non saranno responsabili nel corso delle festività.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.


Ippolito richiama i dati sui decessi, ricordando come ormai da settimane in Italia si registrano in media 600 vittime al giorno, e su come pare che alla popolazione non interessi alcunchè. In Germania invece, il Governo avrebbe disposto il lockdown fino al 10 gennaio.