Milano, falsi casting per abusare di ragazze: arrestato un 48enne

L’uomo era già stato arrestato a Roma per fatti analoghi. L’indagine è scaturita dalla denuncia di una ragazza da poco maggiorenne.

Arrestato un uomo di 48 anni con precedenti per fatti analoghi
(Getty Images)

Promesse mai mantenute e abusi su ragazze. Sono queste le accuse a carico di un uomo di 48 anni arrestato a Milano con precedenti per truffa, appropriazione indebita, documenti falsi e violenze sessuali. Le ragazze, tra i 23 e i 29 anni, venivano attirate dalla speranze di poter un giorno diventare le protagoniste di un film. L’indagine della polizia è partita dalla denuncia, avvenuta a luglio, da parte di una ragazza da poco diventata maggiorenne. Altre tre giovani invece hanno poi confermato gli episodi di violenza successivamente. L’uomo inoltre è indagato per un’inchiesta della Procura di Roma per fatti analoghi tra il settembre 2019 e il luglio di quest’anno.

GIOVANI ABUSATE, MA COME VENIVANO RECLUTATE?

Il 48enne utilizzata un iter ben preciso per il reclutamento delle giovani ragazze
(Getty Images)

Il 48enne utilizzava un iter ben preciso per il reclutamento delle giovani ragazze, che inconsapevoli venivano poi abusate. Inviata la candidatura tramite internet, le ragazze venivano contattate telefonicamente e poi convocate per un casting per aspiranti attrici dedicato alla produzione di un film dal titolo “la forza dell’Amore”.

Secondo quanto riferito dagli investigatori della Questura, al casting la vittima delle violenze si iscriveva tramite un sito che faceva capo all’agenzia “Trend Communications”. Proprio in quella occasione la vittima veniva abusata da parte dell’uomo che le si era presentato come il responsabile dei casting.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Diverse le vittime, almeno al tre, ma uguale invece il modus operandi. Un primo appuntamento in un albergo, un secondo in un fast food e poi il terzo provino in un appartamento a Milano.  Dai loro interrogatori è emerso quindi che l’arrestato reclutava le ragazze sempre con la proposta di un finto casting cinematografico per la produzione di diversi film tra cui: “Un gioco pericoloso” e “Miele amaro”.

L’uomo era già stato arrestato lo scorso agosto, nell’ambito di un’inchiesta dei pm di Roma, per violenze sessuali nei confronti di altre 8 ragazze con lo stesso schema di finti casting per film che non sarebbero mai stati realizzati. Nuova misura cautelare quindi per il 48enne che si trovava già in carcere al Regina Coeli e al quale viene contestato il pericolo di reiterazione del reato, in quanto c’è la paura che tornando libero possa commettere altre violenze.