Tik Tok: celebre influencer uccisa in diretta dai suoi amici

La nota influencer messicana è stata uccisa in diretta video mentre stava facendo un Tik Tok con i suoi amici. Ecco cosa è successo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da 𝔄𝔯𝔢𝔩𝔦𝔫𝔢 𝔐𝔞𝔯𝔱𝔦𝔫𝔢𝔷🤑 (@are.ma13)

 

Doveva essere un video divertente quello andato in onda su Tik Tok dal profilo della giovane Areline Martinez, 21 anni. Un passatempo che, invece, le è stato fatale lo scorso 2 ottobre: la ragazza è stata tragicamente uccisa mentre stava filmando un finto rapimento nel social network più frequentato dagli adolescenti. I suoi funerali si sono svolti questo lunedì, 14 dicembre; tuttavia, le indagini investigative sono ancora aperte e gli agenti stanno tentando di ricostruire dinamiche e circostanze sul decesso di Areline. Difatti, César Augusto Peniche Espejel, il procuratore generale dello Stato Chihuahua, luogo dove è avvenuta la tragedia, ha riferito che i responsabili sono fuggiti e ancora latitanti. 

LEGGI ANCHE >>> Ristorante da incubo: piatto macchiato di sangue servito a un cliente

Il finto rapimento e il vero colpo di pistola: la morte di Areline Martinez

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Trauma cerebrale: l’uomo dimentica la sua famiglia e il linguaggio

Secondo quanto riportano i media locali, la ragazza sarebbe stata uccisa da un colpo di pistola partito involontariamente da uno dei suoi amici. Il procuratore ha specificato che l’arma del delitto è una pistola calibro 45 e ha confermato che il colpo alla testa è stato accidentale. Tuttavia, “se qualcuno ha una responsabilità penale, dovrà rispondere”, ha insistito, poiché “ci sono ancora diversi fatti che non quadrano, a partire dalla morte della giovane, all’origine di quell’arma e sul perché era presente in quel momento”: tutte domande a cui non è stata data ancora una risposta.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Le immagini della ripresa sono scioccanti e sono state recuperate dalle autorità: verranno utilizzate per fini investigativi e per risalire alle identità delle persone coinvolte.

Fonte: Cnews.fr