Uomo accoltella e uccide i familiari: voleva “salvarli dal Coronavirus”

Un uomo di 36 anni è stato condannato a vita dopo aver accoltellato la moglie, le cognate e la suocera affermando di aver agito per salvarle dal coronavirus.

Accoltella familiari per salvarle dal coronavirus
Ambulanza Usa

 

Ha aggredito accoltellandole la suocera e le cognate sostenendo di aver agito per salvarle dall’epidemia da Coronavirus. Stando a quanto appurato, l’uomo, un 36enne, si trovava a cena con la moglie e le altre parenti, quando ha estratto un coltello e si avventato contro le donne colpendole ripetutamente. È accaduto lo scorso marzo in un’abitazione a Waukesha nel Wisconsin (Usa). Sul posto sono arrivati i soccorsi che non hanno potuto far nulla per la moglie dell’uomo ed una delle cognate, mentre la suocera e l’atra figlia sono sopravvissute riportando gravi ferite. Dopo la conclusione delle indagini, il giudice ha condannato il responsabile all’ergastolo da scontare in un istituto di salute mentale.

Leggi anche —> Atroce omicidio: la madre della vittima riesce a catturare gli assassini

Usa, accoltella e uccide i familiari per salvarli dal Coronavirus: 36enne condannato a vita

Ragazza trovata morta Nevada
Polizia Usa (Getty Images)

Leggi anche —> Un’influencer pugnala la madre: “Le ha squarciato il cuore da viva”

Si è avventato conto i propri familiari aggredendoli con un coltello da cucina, durante una cena in casa. Questo è quanto messo in atto da Adam Roth, un uomo di 36 anni di Waukesha nel Wisconsin, negli Stati Uniti il 10 marzo scorso. Stando a quanto hanno ricostruito gli inquirenti, come riporta la redazione del New York Post, il 36enne era a cena con la moglie Dominique, di 34 anni, le cognate di 23 e 26 anni e la suocera Gilane di 62 anni. Improvvisamente, l’uomo avrebbe afferrato un coltello da cucina aggredendo le donne ed il loro cane colpendoli ripetutamente.

Presso l’abitazione sono arrivati i soccorsi che non hanno potuto far altro che constatare il decesso della moglie dell’aggressore ed una delle due cognate. Nulla da fare anche per il cane che era stato colpito da numerose coltellate. La suocera e l’altra figlia di quest’ultima sono state, invece, trasportate in ospedale e fortunatamente sono sopravvissute nonostante le gravi ferite.

La polizia, intervenuta sul posto, ha arrestato Roth che, durante gli interrogatori, avrebbe ammesso le proprie responsabilità spiegando di aver agito per salvare le familiari dal Covid-19.

Al termine delle indagini è iniziato il processo per il 36enne, terminato lunedì con una sentenza di condanna. Il giudice Laura Lau, come riporta il New York Post, ha condannato l’imputato per tutti i reati commessi alla reclusione a vita, da scontare presso un istituto di salute mentale. Pare, difatti, che alla base del gesto compiuto da Roth possano esserci dei problemi psichiatrici sui quali può aver influito il diffondersi della pandemia.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.

Omicidio Macerata Pamela Mastropietro
Tribunale (Getty Images)

Il crimine è stato commentato dal vice procuratore distrettuale Ted Szczupakiewicz, il quale durante l’udienza, avrebbe affermato di non aver visto mai nulla di simile in 28 anni di carriera presso l’ufficio del procuratore distrettuale.