Condannato all’ergastolo: uccise moglie e figlia pensando di essere tradito

Pensava di essere stato tradito da moglie e figlia e pertanto le uccise. La vicenda è accaduta lo scorso giugno. In questi giorni l’autore del duplice delitto è stato condannato all’ergastolo. 

Carcere
Carcere (Getty Images)

Uccide la moglie e la figlia di 18 anni pensando che lo tradissero con un suo collega di lavoro e amico.

Marcin Zdun, 40 anni ha accoltellato la moglie Aneta di 40 anni e la figlia Nikoleta 18enne nella loro casa a Salisbury, nel Wiltshire uccidendole.

La vicenda è avvenuta lo scorso giugno. In questi giorni l’uomo è stato condannato all’ergastolo. Durante il processo è emerso che Zdun ha compiuto il gesto in quanto temeva di perdere il controllo su moglie e figli. Era convinto che la moglie avesse una relazione con un collega e amico. Inoltre credeva la figlia ne avesse iniziata una sempre con lui.

Leggi anche —>>> Uomo accoltella e uccide i familiari: voleva “salvarli dal Coronavirus”

La gelosia lo aveva accecato: l’uomo ha confessato di aver ucciso madre e figlia

carcere
carcere (Foto di Ichigo121212 da Pixabay )

Leggi anche —>>>  Uomo scommette la moglie al gioco e perde. Epilogo abominevole

I mesi prima del delitto una gelosia accecante lo aveva resto violento. L’uomo picchiava la moglie accusandola di non pulire abbastanza bene e di non cucinare come lui voleva. La donna preoccupata per se stessa e la figlia qualche giorno prima aveva scritto alla madre un messaggio per comunicare la paura che potesse succedere il peggio.

Il quarantenne ha confessato il duplice omicidio motivando con la convinzione che entrambe le donne avessero una relazione con un suo collega.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook,Instagram e Twitter

Carcere
Carcere (foto da Getty Images)

Certezza dell’uomo era il mondo in cui l’amico guardava moglie e figlia. La tragedia è avvenuta in casa mentre c’erano altri figli della coppia che avrebbero urlato tentando di fermare l’uomo.