Brenda Fricker: Natale drammatico per l’attrice di Mamma ho perso l’aereo

Sarà un Natale triste per la famosa interprete de la signora dei piccioni nel film cult degli anni ’90 “Mamma ho perso l’aereo” .

Brenda Fricker triste natale
Brenda Fricker (Getty Images)

A quanto pare quello di quest’anno anche per la celebre attrice del film cult degli anni ’90 Mamma ho perso l’aereo, Brenda Fricker, sarà un Natale difficile. In una recente intervista l’attrice, interprete de “la signora dei piccioni” nella popolare pellicola natalizia, ha rivelato il suo attuale stato di profonda solitudine. La donna settantacinquenne ha raccontanto molto schiettamente quali siano le principali differenze tra le vigilie degli anni passati rispetto a quella di questo complicato 2020.

Leggi anche —>>> Pubblicità di Natale, i due spot che hanno fatto la storia. Voi quale preferite?

Il Natale di Brenda Fricker: “è da tanto che sono sola”

Brenda Fricker triste natale
Brenda Fricker (Getty Images)

Potrebbe interessarti anche —>>> Milly Carlucci, un Natale diverso: le tristi parole della presentatrice

L’attrice di origini irlandesi, in seguito alla sua interpretazione ne Il mio piede sinistro, vinse il premio Oscar come miglior attrice non protagonista nello stesso anno di uscita del film di Natale che le regalò un fama a livello mondiale. Oggi però, al di là della sua carriera, la donna ammette di essere preda della sua assoluta solitudine e che non si tratti soltanto di un breve periodo.

Infatti, quando decide di portare il pargone con gli anni passati, è lei stessa ad ammettere quanto le differenze con il Natale odierno siano davvero minime. “Mentirei se dicessi che sarà un bel Natale. Guarderò qualche programma pre-registrato“, rivela l’attrice con molta sincerità e ringraziando la presenza del suo cagnolino che probabilmente sarà l’unico a  poterle stare vicino durante il periodo festivo.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da showbuzz.hr (@showbuzzhr)

Ad aumentare infine il carico nostalgico nell’intervista sarà il suo timore che si accentua nel pensare all’ultimo dell’anno. Date le misure di sicurezza per fronteggiare il virus e la sua già validata solitudine, queste non le permetteranno di condividere con nessuno la speranza che il nuovo anno possa essere migliore, ecco le sue parole: “Non c’è nessuno verso cui voltarsi da abbracciare o a cui sorridere“.