Eliana Michelazzo ricomincia dalla politica: alla conquista di Roma

Eliana Michelazzo ricomincia dalla politica e lo fa a fianco di Vittorio Sgarbi, alla conquista di Roma. Progetto arduo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da 𝙀𝙡𝙞𝙖𝙣𝙖 𝙈𝙞𝙘𝙝𝙚𝙡𝙖𝙯𝙯𝙤 (@elianamichelazzo)

Fino allo scorso anno, il nome di Eliana Michelazzo veniva associato a quello dell’evento mediatico chiamato ben presto Prati-Gate: lo scandalo che colpiva la showgirl Pamela Prati circa una presunta storia con un fantomatico Mark Caltagirone, mai esistito. Eliana volta pagina, si spoglia dai panni di manager per entrare in politica con un obiettivo ben preciso quanto ambizioso: la conquista di Roma.

Più precisamente del XV Municipio di Roma – Laurentino 38, la periferia della città con maggiori criticità – insieme ad un altro voto noto che aveva già annunciato mesi fa la candidatura a sindaco della Capitale, Vittorio Sgarbi. La lista – di Centrodestra – si chiama Rinascimento, nome che rievoca la professione di Sgarbi, storico e critico d’arte. Sull’ingresso in politica, la Michelazzo ammette: «La politica mi ha sempre appassionato sono stata parecchie volte alle manifestazioni di Giorgia Meloni, che stimo molto, e amo chi propone idee nuove…».

LEGGI ANCHE —> Conte-Renzi, salta l’incontro e sale la tensione

Eliana Michelazzo sul Prati-Gate: “Io sono una vittima…”

LEGGI ANCHE —> Renzi: “Pronto a far cadere Conte se vuole avere pieni poteri come Salvini”

«Sono nata al Laurentino 38 e conosco molto bene il degrado delle periferie dove ogni giorno ci sono perquisizioni, gente che spaccia e si droga sotto casa. Ho iniziato a lavorare prestissimo, perché ho perso mio padre a un anno e per aiutare mia madre non mi sono neanche diplomata…» la Michelazzo spiega la piena conoscenza del territorio proclamandosi pertanto come idonea per ricoprire tale ruolo.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Alle domande sul Prati-gate di cui ancora ne subisce gli strascichi, sottolinea: “Io sono una vittima , sto chiedendo anche un risarcimento per i danni alla mia immagine. Ne sto uscendo pulita”.