Milano: è del “sosia” di Briatore la Rolls Royce posteggiata in mezzo alla strada

E’ il 61enne Luigi Proietti il “sosia” di Flavio Briatore. Tantissime le critiche sui social per il re del Billionaire che non risultava essere il responsabile del gesto.

Tantissime le critiche sui social per il re del Billionaire
Flavio Briatore (Getty Images)

Non è di Flavio Briatore la Rolls Royce che intralciava il traffico, ostruendo il passaggio del tram a Milano. E’ questa la storia che ha visto coinvolto il noto imprenditore, senza essere però nel luogo dell’accaduto. Il re del Billionaire era stato accusato di aver lasciato la macchina in mezzo alla strada. La notizia arrivata sui social ha innescato tantissimo “odio” e l’imprenditore è stato accusato ingiustamente.

Leggi anche —> Caterina Balivo: sorpresa di Natale sotto l’albero, il vestito non c’è più

Chi è il “sosia” di Flavio Briatore?

Non è di Flavio Briatore la Rolls Royce che intralciava il traffico
Il “sosia” di Flavio Briatore Luigi Proietti (Screenshot Instagram)

Leggi anche —> Gattuso e la miastenia, “Così non sono me stesso. Supererò anche questa”

Stessi occhiali, barba bianca, stesso taglio di capelli e soprattutto stessa macchina. E’ questo l’identikit dell’uomo che è stata scambiato per Flavio Briatore. Ed invece no, anche se apparentemente potrebbero avere gli stessi lineamenti è Luigi Proietti l’uomo che ha intralciato il traffico a Milano non permettendo a un tram di passare.

Chi è Luigi Proietti? Un gallerista d’arte moderna e contemporanea, con galleria a Cortina e showroom a Roma e Milano. L’uomo giovedì scorso alle 17.45 ha lasciato la sua Rolls Royce nera parcheggiata nella città meneghina, in via Carducci angolo con corso Magenta, bloccando per qualche minuto la circolazione ad auto e tram.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Non è di Flavio Briatore la Rolls Royce che intralciava il traffico
Il “sosia” di Flavio Briatore Luigi Proietti (Screenshot Instagram)

«E’ vero, sono io la persona che ha lasciato l’auto in mezzo alla strada per pochi minuti a Milano”. Sono queste le parole del gallerista d’arte moderna e contemporanea Luigi Proietti che si prende le sue responsabilità sull’accaduto. Poi aggiunge: “Ho notato tanta cattiveria verso Flavio Briatore per questo mi sono fatto avanti per difenderlo. Ma posso assicurare che tutto ciò sarà durato 3 minuti”.