Covid19. Quali sono le regole da rispettare per uscire con il cane

Covid19. L’ ultimo decreto legge ha messo l’Italia in un’alternanza di giorni rossi e arancioni. Le regole da rispettare per i padroni dei cani

Pandemia Covid19
Padrone a passeggio con cani – GettyImages

L’ ultimo decreto legge esplicitato dal premier Giuseppe Conte ha messo l’ Italia in un regime di restrizione che prevede un’alternanza di giorni rossi ed arancioni con significative differenze tra ciò che si può e non si può fare in relazione alla pandemia da Coronavirus ancora in atto.

Sicuramente rimangono in vigore tutte le avvertenze fino ad ora promosse riguardo il distanziamento sociale, l’utilizzo di dispositivi di protezione individuale e il lavaggio frequente delle mani. Una cosa è certa, anche se i nostri spostamenti e le uscite sono limitate, i nostri amici a quattro zampe non possono rinunciare alle loro passeggiatine quotidiane per espletare i loro bisogni fisici. Quali sono, dunque, le istruzioni che regolamentano i comportamenti da attuare da parte dei loro padroni?

LEGGI ANCHE -> Perché il cane gira su sé stesso prima di sdraiarsi: i motivi

Covid19: dalle passeggiate al veterinario, cosa possiamo fare con il nostro cane

Pandemia Covid19
Cane – GettyImages

Leggi anche >>> Se il vostro cane o gatto appoggia la testa al muro, preoccupatevi! Il motivo

Ovviamente si può portare il cane a passeggio nelle ore diurne. Tuttavia, bisognerà farlo solo nei pressi della propria abitazione; è assolutamente vietato portarlo fuori dal territorio comunale e non nelle ore oltre il coprifuoco notturno. Se il cane ha un impellente bisogno dopo le 22, in teoria è possibile uscire ma solo per alcuni minuti, il tempo necessario a fargli fare le sue necessità corporali e raccogliere le deiezioni, senza allontanarsi per oltre dieci metri da casa.

L’ Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente – AIDAA chiarisce che è possibile portare il cane in auto durante uno degli spostamenti previsti dall’ultimo decreto legge se siete impossibilitati o non volete lasciarlo a casa da solo, tuttavia sarà meglio esplicitare la motivazione nella propria autocertificazione.

Se il vostro veterinario di fiducia si trova fuori dal vostro comune di residenza potrete portare il cane, il gatto o altro animale domestico in caso di necessità: anche in queto caso dovrete disporre di una semplice autocertificazione.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Cane
Cane (Getty Images)

Potrete inoltre fare delle passeggiate con il cane di un amico o di un vicino. Ovviamente se il padrone si trova nell’impossibilità di farlo per impedimenti fisici, autocertificandone il motivo. Se però verrà usato come escamotage per uscire da casa dichiarando il falso, s’incorrerà in gravi sanzioni.