Bruno Vespa, record di vendite per il nuovo libro su Mussolini e l’Italia

Il libro firmato da Bruno Vespa è in assoluto il più venduto in queste feste. Il volume è dedicato a Mussolini e all’Italia. Con un tweet il giornalista ringrazia i lettori. 

Bruno Vespa
Bruno Vespa (Getty Images)

Doppi auguri per Bruno Vespa. Non solo per le feste ma anche per il record di vendite del suo nuovo libro. Un saggio storico dedicato a Mussolini e all’Italia. 

“Perché l’Italia amó Mussolini”, titolo del volume, è in testa alle classifiche.  Una rarità visto che il volume di Vespa è un saggio storico. Edito Mondadori, nel libro l’autore analizza le ragioni che si celano dietro la nascita del fascismo e la sua conquista del potere. In precedenti libri Vespa aveva già affrontato tematiche legate alla storia della politica italiana.

Il libro è stato presentato la scorsa settimana con una conferenza stampa. Presenti anche Salvini, Meloni e Berlusconi in collegamento. Il tutto è stata trasmesso in diretta sui canali social del conduttore di Porta a Porta.

Leggi anche —> Bruno Vespa, il grave disagio vissuto dal figlio Federico

Saggio di Vespa: il parallelismo tra la dittatura di Mussolini e quella del covid

 

Leggi anche —> Bruno Vespa furioso con Amadeus | L’attacco del giornalista | Il motivo

A parlare del successo del libro è lo stesso Vespa con tweet di ringraziamento ai lettori pubblicato ieri.

Con questa nuova uscita, Vespa ha voluto raccontare non solo la dittatura di Benito Mussolini ma anche quella del coronavirus. “Il signor covid”, è il nome con cui Vespa chiama il virus che ha messo in ginocchio il mondo nell’ultimo anno.  Un parallelismo in cui l’autore sottolinea come entrambe le dittature abbiamo soppresso le libertà dei cittadini.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Bruno Vespa furioso Amadeus giornalista motivo
Bruno Vespa (Getty Images)

Il libro si apre con una passeggiata a piazza Venezia. Colma di gente durante i proclami di Mussolini e deserta in questa primavera 2020 durante il lockdown.