Donna muore di cancro, il marito decide di far congelare il corpo

L’inglese Alan Sinclair ha scelto di far congelare il corpo della moglie morta a 66 anni a causa del cancro con la speranza di risvegliarla quando sarà scoperta una cura

Donna muore cancro congelata
Alan Sinclair (dal web)

Quando la moglie Sylvia è morta a 66 anni a causa di un tumore ai polmoni Alan Sinclair non c’ha pensato due volte ed ha scelto di farla congelare pagando 28 mila sterline. La speranza dell’uomo di 82 anni è quella di poter dare all’amata moglie la possibilità di una nuova vita grazie alle scoperte scientifiche del futuro. La stessa sorte che ha programmato anche per se stesso quando inevitabilmente dovrà morire per poter finalmente ricongiungersi alla compagna di una vita.

La donna, morta nel 2013 dopo appena sei settimane dalla diagnosi di tumore ai polmoni, subito dopo essere spirata è stata sottoposta alla procedura di conservazione del corpo e condotta nei laboratori americani dell’istituto Cryonics Institute. Dopo la morte per la donna non è stato previsto chiaramente nessun funerale, per lei solo una targa commemorativa.

LEGGI ANCHE -> Uccide la madre durante il pranzo di Natale, poi torna dal fratello

La procedura per congelare il corpo della donna morta

Ospedale
Ospedale (Foto di Cor Gaasbeek da Pixabay)

LEGGI ANCHE -> Natale, tentativo di impiccagione: Carabinieri arrivati in tempo

Congelare un corpo nella speranza di risvegliarlo in futuro è certamente una scommessa della scienza che è ancora tutta da verificare e verso cui diversi scienziati si sono negli anni opposti con decisione. Immediatamente subito dopo il decesso il sangue viene sostituito con dei crioprotettori con un processo noto come vetrificazione, dopo il corpo viene conservato in azoto liquido con una temperatura di -196°. Lo scopo di tale procedura è quello di permettere la conservazione di tessuti, organi e del cervello nella speranza di riuscire a riportarli in vita al momento opportuno.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook,Instagram e Twitter

sala di ospedale
Getty Images

L’inglese Alan che ha deciso di sottoporre sua moglie e in futuro se stesso a tale pratica ha dichiarato di essere perfettamente consapevole che la procedura potrebbe non riuscire ma “è pur sempre una prospettiva migliore dell’essere semplicemente mangiati dai vermi“.