Feste e carboidrati: come regolarsi per mantenere la linea

Protagonisti delle tavole natalizie i carboidrati non vanno demonizzati, ma se mangiati in maniera eccessiva possono far lievitare il giro vita. Regolare il loro consumo aiuta a mantenere la linea durante le feste.  

carboidrati
carboidrati (fotoshopTofs/pixabay)

Carboidrati e feste. Un mix presente in ogni Natale. E se non vanno demonizzati, tuttavia i carboidrati se assunti in eccesso possono far aumentare il giro vita.

La cosidettà “wine face”, termine anglosassone utilizzato per indicare gonfiore, è il rischio a cui si incorre assumendo troppi carboidrati. Il problema non sarebbe tanto nelle abbuffate di Vigilia, Natale e Capodanno, in cui il nostro corpo sa autoregolarsi, ma piuttosto negli altri giorni.

Mangiare in maniera equilibrata nei giorni prima e dopo i pranzi e le cene natalizie è un’ottima soluzione. Altri accorgimenti sono evitare digiuni, riservare i dolci solo a colazione, durante le grandi cene delle feste prediligere un solo un carboidrato.

E se si ha esagerato con le dosi, il giorno dopo è buona regola appena alzati bere un bicchiere d’acqua calda e limone per risvegliare il metabolismo.

Leggi anche —> Diario alimentare: la soluzione per dimagrire in salute

Carboidrati e convinzioni limitanti: fanno davvero ingrassare? 

carboidrati
carboidrati (Foto di congerdesign da Pixabay )

Leggi anche —> Tutti i modi per sentirsi sazi e non mangiare troppo

Secondo alcuni studi nell’alimentazione giornaliera i carboidrati dovrebbero fornire dal 45 al 60% dell’energia totale. In particolare è importante scegliere la versione integrale, ottimale per il suo basso indice glicemico.

In merito al carboidrati esistono molte credenze limitanti. Spesso vengono visti con timore e si pensa che contribuiscano all’aumento di peso. Ma in realtà è bene tenere a mente che se non si eccede non incidono sulla linea . Altra convinzione errata diffusa è che se si assumono alla sera si ingrassi.

Al centro del mirino in particolare vi è la pasta che in realtà ha le stesso proprietà del riso. Anzi il riso bianco ha un indice glicemico più elevato.  Accorgimento fondamentale è legato alla cottura della pasta. Meglio al dente in quanto il suo indice glicemico rimane più basso.

Per le feste Valer Longo, esperta di dieta e longevità, ha suggerito in un’ intervista al Corriere della Sera come in caso di cenone seguito da un altro pranzo importante, per rimanere più leggeri, si possa saltare la colazione. Propone poi di abbinare a un primo di lasagne un piatto di verdure e legumi e poi di prediligere una cena con solo un po’ di brodo. Banditi gli avanzi del pranzo.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

dolci natalizi
dolci natalizi (Foto di Jill Wellington da Pixabay)

Il segreto per una mantenere la forma fisica nelle feste rimane quello di alimentarsi in maniera sana ed equilibrata tutto l’anno. Questo permetterà di concedersi una fetta di panettone a fine pasto senza nessuna conseguenza.