L’Eredità, Luca Fusar si conferma campione. Perde per una tappa alla ghigliottina

Il campione Luca Fuser ha sbagliato una parola alla Ghigliottina, per lui stasera una nuova opportunità di gioco a L’Eredità

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da L’Eredità (@leredita_fans)

Ieri sera un’altra puntata ricca di colpi di scena quella de L’Eredità, il quiz di Rai Uno condotto da Flavio Insinna. Non c’è più il mitico campione Massimo Cannoletta ritiratosi dopo 51 puntate il 24 dicembre e quindi ieri si sono sfidati Luca, Francesco e Claudio.

Dopo il successo del giorno di Natale, Luca Fusar si conferma nuovamente campione e si presenta così alla Ghigliottina con un bottino di 105mila euro. Le parole da legare tra loro stavolta sono sono fare, fondamentale, montagna, muri e processo. Luca prova a tagliare corto con la parola percorso, ma quella vincente era “tappa”, così dovrà riprovarci stasera, sperando che la buona sorte sia con lui.

Adinolfi si scaglia contro la Rai, “In mano agli ignoranti”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Mario Adinolfi (@marioadinolfi71)

Non ci voleva un colpaccio del genere a L’Eredità proprio la sera di Natale, con milioni di telespettatori attaccati allo schermo della televisione che si sono accorti in massa dell’errore enunciato nel quiz. Come in ogni luogo però anche in casa Rai a volte scappano degli scivoloni, e a L’Eredità sembra non essere però il primo visto. Venerdì stasera però il giornalista Adinolfi non è rimasto indifferente.

A segnalarlo è proprio Mario Adinolfi con un post diventato già virale dopo la condivisione su Facebook e Instagram. In una domanda del quiz si chiedeva infatti al concorrente di rispondere su alcune frasi di Cavour dette nel 1869.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da L’Eredità (@leredita_fans)

Grande cultura all’Eredità su Raiuno. La sera di Natale fanno domande sulle frasi di Cavour “nel 1869”. Quando Cavour era morto da otto anni. Un altro bel colpo piazzato dal direttore Coletta. La Rai, la principale azienda culturale italiana. In mano agli ignoranti. Una perfetta fotografia del Paese”.