Raoul Bova, 2020 tragico: “Ho toccato il fondo, cerco di non sprofondare”

Raoul Bova si è raccontato in un libro autobiografico, dal titolo “Le regole dell’acqua”: l’attore ha ripercorso la propria vita, non risparmiando i momenti più drammatici

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Raoul Bova (@raoulbovagram)

Per Raoul Bova, il 2020 si chiude in maniera drammatica. Dopo il lockdown, periodo da lui vissuto fra “angoscia e tristezza“, l’attore ha pensato di ripercorrere i momenti più importanti della propria vita all’interno di un libro. Si intitola “Le regole dell’acqua“, ed è edito da Rizzoli. All’interno dell’opera, Bova racconta anche della perdita degli amati genitori Giuseppe e Rosa, scomparsi a distanza di 22 mesi l’uno dall’altra.
Ho toccato il fondo, ho pianto e ne sono uscito grazie alla mia famiglia“, ha spiegato l’attore.

LEGGI ANCHE —> Rocio Morales: l’ex avverte Raoul Bova: c’è stato un tradimento

Raoul Bova a cuore aperto: “Ho toccato il fondo”

Raoul Bova e Rocio Munoz Morales
Raoul Bova e Rocio Munoz Morales (Getty Images)

LEGGI ANCHE —> Raoul Bova, la confessione sulla sua malattia: “Ora sto bene”

Come affermato dall’attore, il suo libro “Le regole dell’acqua” è frutto dell’attraversamento di un periodo complicato. Bova ha dichiarato quanto segue: “Avevo voglia di esternare i miei sentimenti in un momento difficile“. Per Raoul, gli ultimi mesi sono stati contrassegnati da due lutti terribili: nel 2018 è scomparso il padre Giuseppe, seguito dalla madre Rosa nel novembre del 2019.

Queste ferite lasciano il segno“, ha dichiarato l’attore, parlando della defunta madre. A ciò, si sono sommati gli insulti ricevuti per il proprio aspetto fisico. Bova, che è dovuto ingrassare per via di una fiction, è stato infatti vittima di body shaming. “Non è accettabile, anche se sei una persona del mondo dello spettacolo”.

Raoul, intervistato da La Stampa, ha anche spiegato le ragioni che si celano dietro il titolo del suo libro. A detta dell’attore, l’acqua è un elemento a lui carissimo. E’ un simbolo che ha una magia particolare, le cui regole sono le stesse della vita: “gentilezza, educazione, rispetto“. Raoul reputa che lo sport sia uno strumento fondamentale per la crescita individuale, in quanto intriso di regole e disciplina.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Raoul Bova (@raoulbovagram)

L’attore, che ha da poco ultimato le riprese del film “L’ultima gara”, tornerà presto in tv con una fiction. Si intitola “Buongiorno mamma“, ed è totalmente incentrata sulla famiglia. Bova stesso ha definito questa produzione come “un segno dal cielo“.