Come usare il coriandolo in cucina e quali sono le sue proprietà benefiche

Il coriandolo, detto anche prezzemolo cinese o con il nome spagnolo cilantro, è una pianta erbacea annuale della famiglia delle “Apiaceae”. Appartiene alla stessa famiglia del cumino, dell’aneto, del finocchio e del prezzemolo. Il suo profumo delicato darà ai tuoi piatti un sapore particolare ma, attenzione, fa anche molto bene alla salute!

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Come usare la curcuma in cucina, tutte le proprietà di una spezia miracolosa

coriandolo
Il coriandolo è una spezia molto delicata che però darà ai tuoi piatti un sapore e un profumo incredibili (Foto di ReStyled Living da Pixabay)

In questo articolo ti spiegheremo come utilizzarlo in cucina ma non solo. Devi sapere che questa antichissima spezia originaria dei paesi del Mediterraneo può essere usato come infuso contro i dolori di stomaco, è consigliato anche per problemi di aerofagia e le emicranie, aiuta la digestione e ha anche una funzione antidiarroica.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Come usare il cardamomo, la spezia orientale che sta spopolando anche in Europa

Cos’è il coriandolo e quali sono le sue origini

coriandolo
Il coriandolo è una spezia che proviene dai Paesi del bacino del Mediterraneo ma viene anche chiamata prezzemolo cinese (Foto da Pixabay)

Il coriandolo, detto anche prezzemolo cinese o chiamato con il nome spagnolo cilantro, è una pianta erbacea annuale della famiglia delle “Apiaceae” che appartiene alla stessa famiglia del cumino, dell’aneto, del finocchio e del prezzemolo.

Infatti, per la sua forma ma anche per il suo profumo somiglia molto al prezzemolo. Si tratta di una spezia antichissima il cui nome deriva dal latino “Coriandrum” con radici nella parola greca “Corys” seguita dal suffisso “ander” cioè somigliante, in riferimento alla supposta somiglianza dell’odore emanato dai frutti acerbi o sfregando le foglie.

Come dicevamo, nelle civiltà mediterranee trovò impiego fin nell’antichità come pianta aromatica e medicinale. Basti pensare che viene raffigurato persino in alcune tombe egizie come offerta rituale.

I Romani lo usarono moltissimo e Apicio ne fa la base di un condimento chiamato appunto “Coriandratum”. Secondo Plinio il Vecchio, mettendo alcuni semi di coriandolo sotto il cuscino al levar del sole si poteva far sparire il mal di testa e prevenire la febbre.

Il coriandolo, così come il prezzemolo, è una pianta molto delicata ed è proprio per questo motivo che la raccolta va fatta al levar del sole cioè di mattina presto quando ancora le sue foglie sono bagnare di rugiada.

Questa spezia può essere usata fresca per aromatizzare zuppe, piatti a base di pesce e anche insalate di riso. In alternativa, può essere essiccata per conservare nel tempo le sue proprietà.

I “ciuffi” si coriandolo vengono riuniti in mazzi e appesi in luoghi ombreggiati. Quando saranno ben essiccati si battono all’interno di un sacchetto per separare i frutti dai peduncoli che li sostengono.

I frutti si conservano poi in recipienti di vetro. I semi, invece, si dovrebbero conservare interi poiché la polvere di coriandolo perde aroma molto facilmente.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Pepe di Sichuan, benefici e utilizzi in cucina: tutti i dettagli

Le proprietà benefiche del coriandolo

coriandolo
Il coriandolo è una spezia dalle tante proprietà benefiche a partire da quelle antimicrobiche e antiossidanti (Foto da Pixabay)

Il coriandolo è un’erba aromatica dalle tante risorse. Infatti, questa pianta conosciuta fin dall’antichità, dalle tante proprietà benefiche e molteplici utilizzi, viene anche impiegata nella fitoterapia cioè  quella disciplina che prevede l’uso di piante o estratti di piante per la cura delle malattie o per il mantenimento del benessere psicofisico.

Tra le tante proprietà possedute dal coriandolo c’è quella antibatterica che lo rendono un antibiotico naturale. Basti pensare che, secondo studi molto antichi, l’olio di coriandolo può essere utilizzato per curare infezioni e tossinfezioni alimentari.

Ma questa pianta, in modo particolare in India, viene utilizzata per le sue capacità antispasmodiche e digestive. Con unguenti e attraverso la masticazione delle sue foglie il coriandolo è un rimedio al gonfiore addominale, l’aereofagia, il colon irritabile ma anche la diarrea.

Il coriandolo viene molto utilizzato anche in Sri Lanka dalle popolazioni tamil che con i suoi frutti preparano di un decotto che, dolcificato con il miele, si assume per alleviare i fastidi della tosse.

Tra le sue più interessanti proprietà, però, c’è la sua azione chelante nei confronti dei metalli pesanti. In farmacologia, è una sostanza che produce i suoi effetti terapeutici attraverso un processo di “chelazione” e che viene sfruttata dunque per rimuovere cationi metallici che si sono depositati nei tessuti organici in concentrazione tossica.

Il coriandolo, infatti, è uno dei pochi chetanti del mercurio, un metallo pesante dannoso se assunto dall’organismo. Il coriandolo, infatti, diventa particolarmente utile per la rimozione del mercurio, che può essere presente negli spazi tra le cellule e nel nucleo cellulare.

Ma non solo, il coriandolo esercita la sua azione chetante anche contro altri metalli pesanti come il cadmio, il piombo e l’alluminio presenti nelle ossa o nel sistema nervoso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Allerta Alimentare, nel mirino una delle spezie più comuni

Tutti gli usi che si possono fare in cucina del coriandolo

coriandolo
Il coriandolo è una spezia dal sapore molto delicato che può essere usata per dare sapore e profumo a piatti a base di pesce, zuppe e insalate (Foto da Pixabay)

Il coriandolo è una pianta aromatica amata e apprezzata in tutto il mondo anche se nasce e si diffonde specialmente nei paesi del bacino del Mediterraneo. Dall’India al Messico, dallo Sri Lanka all’Argentina il coriandolo compare in tante ricette tipiche.

Non per forza, per apprezzarne il suo aroma delicato e inconfondibile, devi cucinare dei piatti esotici. Puoi semplicemente tritarlo e aggiungerlo a dei piatti che cucini comunemente. Ti basti sapere che è ottimo nel pinzimonio.

Dunque, sarà facile utilizzarlo nei tuoi piatti quando hai ospiti a cena e vuoi stupirli con un tocco di esotico molto particolare.

Ti basterà grigliare della carne o del pesce come vitello o gamberoni e preparare a parte un pinzimonio con olio extra vergine di oliva, aglio, peperoncino, aceto balsamico di Modena, qualche granello di sale grosso e di pepe rosa e una dose generosa di coriandolo tritato al coltello.

Se però la tua intenzione è quella di cimentarti in un menù speciale dalle note agrumate ed esotiche eccone a te un esempio:

  • Polpette di legumi al profumo di coriandolo. Inserisci i legumi già lessati che più prefersci nel mixer insieme alla cipolla, olio, sale, pepe e coriandolo. Frulla per pochi secondi in modo da ottenere un impasto omogeneo. Fai riposare il composto in frigo per almeno un’ora e poi procedi con la preparazione delle polpette. Se il composto dovesse risultare troppo liquido, aggiungi pure un po’ di farina. Dopo aver realizzato delle polpette di medie dimensioni, tuffale nel sesamo e infine nell’olio bollente per circa 4 minuti. Una volta cotte adagiale sulla carta assorbente. Servile tiepide accompagnate a una maionese aromatizzata al coriandolo;
  • Pollo Tikka Masala. Taglia il petto di pollo a cubetti. Fai marinare i pezzi di pollo in un composto di yogurt greco, zenzero fresco grattugiato, garam masala, paprika, il succo di mezzo lime, un pizzico di sale e una dose generosa di coriandolo tritato. Schiaccia nella ciotola due spicchi d’aglio, mescola bene il pollo e la salsa, copri la ciotola con la pellicola e lascia riposare in frigo il composto per circa un’ora. Poi, rimuovi il pollo dal frigorifero e aspetta che torni a temperatura ambiente. Cuocilo in forno ventilato preriscaldato a 220° per 20 minuti, o fino a quando si formerà una bella crosticina dorata. Nel frattempo dedicati alla salsa friggendo cipolla, aglio, peperoncino, cumino, curcuma e paprika. Fai tostare per bene e aggiungi la passata di pomodoro, lo zucchero di canna e un pizzico di sale. Cuoci per 10 minuti e infine aggiungi la panna alla salsa e infine una manciata di coriandolo tritato. Servi i cubetti di pollo con sopra la salsa e il successo è assicurato;
  • Avocado toast dolce. Questa è una delle ricette più conosciute in tutto il mondo e servite in tutte le colazioni continentali di ogni albergo che si rispetti. L’avocado toast può essere dolce o salato ma qui te ne proporremo una variante dolce insaporita dall’aroma inconfondibile del coriandolo. Tosta due grandi fette di pane e a parte prepara la crema di avocado con un frutto maturo, del sale, olio extravergine di oliva, pepe nero e qualche foglia di coriandolo. Frulla per bene in modo da ottenere un composto liscio e omogeneo. Spalma sul pane tostato uno strato di mascarpone, poi uno di salsa di avocato, aggiungi sopra delle fragole precedentemente marinate nel succo di lime, coriandolo e zucchero di canna. Prima di servire intingi un cucchiaio in un barattolo di miele e fallo scendere delicatamente sulle tue fette di pane. Il successo è assicurato!

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Mangiare avocado fa bene alla salute, ma attenzione ai rischi

Il coriandolo in erboristeria, i fitofarmaci per digerire

coriandolo
Il coriandolo può essere usato in erboristeria per preparare delle tisane e dei farmaci naturali con proprietà digestive, ma anche disinfettanti e antibatteriche (Foto da Pixabay)

Mentre in cucina viene utilizzata la foglia del coriandolo, nella fitoterapia si usano i semi che ricordano per la forma quelli del finocchio.

Questi semi contengono “alcoli” e “terpeni” ad attività antispastica sulla muscolatura liscia del tubo digerente e per questo motivo vengono utilizzati in tisane come aromatizzanti e digestivi.

L’infuso di coriandolo è in grado di eliminare i gas intestinali e attenuare i crampi addominali. Ti basterà mettere in infusione circa due grammi di semi di coriandolo in 100 ml di acqua bollente e prendere uno o due cucchiai di questo infuso dopo i pasti come se fosse uno sciroppo.

Tra le proprietà benefiche del coriandolo c’è quella di combattere l’alito cattivo ed è per questo che vengono creati dei dentifrici e colluttori in grado di sconfiggere definitivamente il problema.

Ti basterà munirti di un mortaio e un po’ di olio di gomito per ottenere un dentifricio totalmente naturale dalle proprietà incredibili. Inizia dunque pestandole foglie secche di salvia e i semi di coriandolo insieme con il sale fino a rendere il tutto una polverina.

Poi aggiungi il bicarbonato e mescola per bene. Aggiungi un paio di cucchiai di glicerina e delle gocce di olio essenziale di coriandolo.

Ti sarà possibile sostituire interamente il sale tradizionale col sale rosa dell’Himalaya, più puro e dal sapore meno marcato.

Se ti va di cimentarti puoi anche realizzare in casa un perfetto collutorio al coriandolo per sfruttarne le sue immense proprietà.

Ti basterà mettere in infusione delle foglie di salvia e di coriandolo insieme con il succo di limone in 150 ml di acqua distillata e lasciare in infusione per 4 ore. Dopodiché, togli le foglie e il tuo collutorio è pronto.

Se vuoi aumentare l’efficacia e profumare il composto ri basterà aggiungere 5 gr di cannella in polvere.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Le controindicazioni, quando è sconsigliato assumere il coriandolo

coriandolo
Come tutte le spezie il coriandolo, se consumato in dosi massicce, può provocare problemi all’apparato urinario e alla minzione (Foto di Varun Kulkarni da Pixabay)

Il coriandolo sembra non avere particolari controindicazioni, salvo nei casi individuali di intolleranza o allergia. Bisogna però specificare che se usato in dosi eccessive può causare sia disturbi nervosi che disturbi ai reni dando problemi nella minzione.

Secondo alcuni medici è bene prestare attenzione al consumo di coriandolo in caso di assunzione di farmaci neurostimolanti in quanto il coriandolo ha già per sua natura delle proprietà neurostimolanti e dunque per scongiurare una possibile somma degli effetti.

Questa pianta aromatica contiene molti minerali tra cui spiccano per quantità ferro, potassio, calcio e fosforo e ad essi sono collegati i benefici che si possono ricavare da un consumo costante e abbondante di coriandolo.

La sua caratteristica principale è, come abbiamo già detto, quella di essere in grado di aiutare contro i problemi digestivi.

Infatti, il coriandolo è carminativo cioè riduce la presenza di gas intestinali e antispasmodico, e riduce quindi difficoltà digestive e gonfiore. Se consumato in quantità importanti può invece irritare l’intestino.

Infine, il coriandolo ha il potere di attenuare la stanchezza e la fatica e stimolare l’attività cerebrale, oltre che l’appetito. Basta dunque consumarlo nel modo giusto e i benefici saranno tangibili!