Argentina, bambino di 3 anni ucciso a colpi d’arma da fuoco mentre gioca davanti casa

Un bambino di soli tre anni è stato ucciso in Argentina a colpi d’arma da fuoco mentre stava giocando davanti alla sua abitazione.

Argentina bambino ucciso davanti casa
Polizia argentina (Getty Images)

Agghiacciante quanto accaduto in Argentina, dove un bambino di tre anni è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco mentre giocava davanti alla sua abitazione. Stando alle prime ricostruzioni, due uomini sarebbero scesi da un’auto ed avrebbero aperto il fuoco sparando diversi colpi contro l’edificio. I familiari del bambino hanno chiamato immediatamente i soccorsi, ma per quest’ultimo non c’è stato nulla da fare. I responsabili, come spiegato da uno zio della vittima, avrebbero agito per vendetta nei suoi confronti dopo che aveva ingaggiato una discussione con alcuni uomini che stavano per rubare una moto al vicino di casa.

Leggi anche —> Ragazzo di 16 anni muore in ospedale: era stato accoltellato in un’abitazione

Argentina, bambino di tre anni ucciso a colpi d’arma da fuoco: stava giocando davanti la sua abitazione

Ambulanza Argentina
Ambulanza Argentina (Getty Images)

Leggi anche —> Massacro in una sauna: sette persone uccise a coltellate da un uomo

Un bambino di tre anni è stato assassinato a Gonzalez Catan, cittadina vicina a Buenos Aires, in Argentina. Il piccolo, stando a quanto riferito dai media locali e dalla redazione del The Sun, stava giocando davanti alla sua abitazione, quando è stato raggiunto da alcuni colpi d’arma da fuoco esplosi da due uomini scesi da un’auto. All’interno della casa si trovavano la nonna e lo zio della vittima.

I due familiari hanno subito chiamato i soccorsi, i quali giunti sul posto non hanno potuto far altro che constatare il decesso del piccolo. Nella sparatoria anche la nonna del bimbo è rimasta ferita ad una gamba ed è stata curata dai medici che l’hanno trasportata in ospedale.

Sulla vicenda indaga la polizia argentina che si è messa subito sulle tracce dei responsabili, non ancora individuati. Pare, come affermato agli inquirenti dallo zio, che il raid sia frutto di una vendetta nei confronti di quest’ultimo che aveva ingaggiato una discussione pochi giorni prima con tre uomini. Lo zio della vittima, riporta The Sun, aveva discusso con tre persone che stavano cercando di rubare una moto dalla proprietà di un vicino.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.

Polizia Argentina
Polizia Argentina (Getty Images)

Inoltre, il familiare avrebbe affermato di aver sentito un uno dei tre membri del gruppo dire che sarebbero tornati per vendicarsi.