Dimagrire camminando: tutti i consigli per farlo correttamente

Sembrerà una sciocchezza ma non sempre si cammina in modo corretto. Se si vuole dimagrire è però fondamentale farlo bene. Ecco tutte le indicazioni per una camminata efficace, che ti farà scoprire e correggere tanti comunissimi errori. 

camminata
Dimagrire camminando correttamente (Free-photos/pixabay)

Si da sempre per scontato che camminare sia semplice e che si faccia sempre in modo corretto. In realtà non è così scontato e sono sempre moltissimi gli errori che si commettono. 

Camminare viene spesso definito come la forma più facile e di buona riuscita di esercizio fisico che una persona possa svolgere. Ma la maggior parte di noi cammina in maniera così sbagliata da creare più danni che benefici.

L’andatura scorretta comporta problemi a schiena, ginocchia e ossa. Camminare è, infatti, una pratica che coinvolge non solo le gambe ma gran parte del corpo. 

Camminare bene risulta quindi fondamentale sia per la salute che per avere dei buoni risultati in caso di dimagrimento.

Per questo motivo che oggi ti daremo delle semplici indicazioni per re-imparare a camminare! Scopriamo in che modo.

LEGGI ANCHE—>Quanto camminare per perdere 1 kg? Trucchi e dritte su come dimagrire!

I consigli per una camminata efficace

camminare
Scegli la scarpa giusta (fotorech/pixabay)

Iniziamo con il primo aspetto per poter camminare efficacemente. La prima cosa a cui devi prestare attenzione è il piede. Il suo ruolo è fondamentale perché è proprio da esso che dipendono i movimenti di bacino, tronco e gambe. Il tuo passo deve iniziare con un vigoroso appoggio del tallone a terra, con successiva spinta del piede fino alla punta. Oltre a far muovere il bacino in maniera naturale, senza forzature, fornirà alle tue gambe la giusta forza per poter avanzare. In più favorirà la circolazione, contrastando la tanto odiata ritenzione idrica. Procedi in questo modo tenendo le spalle ben rilassate ed il busto eretto. Per quanto riguarda le braccia, lasciale oscillare a 90° come fossero dei pendoli. 

Passiamo poi alla durata della tua camminata. Di certo oggi non si è più abituati a camminare come una volta e questo rende le cose più complicate. Si tende infatti a preferire una lunga camminata (solo quando si ha il tempo) piuttosto che mini-passeggiate sparse durante la giornata. E’ però ovvio che, per avere dei risultati, è necessaria la costanza e quindi camminare solamente quando hai tempo non è certamente il massimo. Per questo motivo, cerca di suddividere la tua attività in piccole camminate durante la giornata. Pochi minuti per spostarti intorno casa, nel tuo quartiere o nel tuo ufficio. Noterai come anche questa tecnica ha i suoi vantaggi.

Un altro aspetto importantissimo è quello che riguarda il percorso. Oggi si cammina principalmente su superfici piatte ed artificiali. E questo ha decisamente indebolito i nostri tessuti muscolari, irrigidendo alcuni movimenti del nostro corpo. Il suggerimento è quindi quello di scegliere un terreno con pendenze diverse e che non sia piatto. Questo perché più è inclinata la superficie in cui si cammina e maggiore sarà il numero dei muscoli che si attiveranno nel tuo corpo.

Arriviamo ora alla scelta delle scarpe. Si tratta di un aspetto tutt’altro che di poco conto. L’uso di una calzatura sbagliata non si ripercuoterà solo sui tuoi piedi bensì, altererà tutta la tua postura. Proprio per questo motivo, utilizza delle scarpe con una suola molto flessibile ed una pianta larga in modo da assicurarti una camminata naturale. 

Ci occuperemo ora dell’intensità. Solitamente è la camminata veloce ad essere ritenuta quella più efficiente. Per avere un’azione brucia grassi è senz’altro necessaria una camminata che abbia un’intensità pari al 70% della frequenza cardiaca massima. Ossia, dovresti sentire fatica ma, al tempo stesso, dovresti essere in grado di parlare. Ad ogni modo, sappi che anche camminando lentamente non sprecherai tempo ma anzi, avrai notevoli benefici in termine di salute. 

Infine un aspetto molto importante per la buona riuscita della camminata e che viene sempre trascurato, è quello dello stretching. La fase di stretching è importantissima per i tuoi muscoli e una volta a casa potrai dedicarti a dei semplicissimi esercizi. Sono sufficienti 2 o 3 esercizi di stretching dopo ogni camminata. Alterna allungamenti dei quadricipiti, a quelli delle braccia e della schiena. 

LEGGI ANCHE—>L’importanza dello stretching, tutto quello che devi sapere

camminata
Dopo la camminata fai qualche esercizio di stretching (Stocksnap/pixabay)

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

La camminata è un’attività ideale per tonificare i muscoli e dimagrire. Ma se vuoi ottenere davvero dei risultati, devi saper camminare in modo corretto. Per questo, segui questi consigli ed i risultati non si faranno attendere!