Agitu struprata e assassinata: chi era la giovane imprenditrice

Agitu Ideo Gudeta e la storia simbolo contro l’odio razziale dell’imprenditrice 42enne uccisa e violentata a Frassilongo, in Trentino.

Agitu Ideo Gudeta omicidio
Agitu Ideo Gudeta (Instagram @fausto.biocorrendo)

Il corpo senza vita dell’imprenditrice Agitu Ideo Gudeta è stato ritrovato nella camera da letto della sua abitazione di Frassilongo. La quarantaduenne, dopo essersi laureata in Sociologia nella città settentrionale, aveva fondato una azienda agricola biologica dal nome Capra Felice. Nei pressi della Valle dei Mocheni, ed era conosciuta per l’impegno dedicato alla sua attività naturale fin dai primi periodi. Anche la rivista mensile Vanity Fair le aveva recentemente dedicato un articolo. L’uomo che ha commesso il terribile omicidio della donna è risultato essere un suo ex dipendente, Adams Suleimani. Agitu ha inoltre subito un atto di violenza sessuale nei suoi confronti, mentre si presume che fosse in fin di vita.

Leggi anche —>>> Delitto atroce: infermiera rapita, violentata e uccisa

Agitu Gudeta: l’azienda agricola e l’odio razziale

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Fausto Deandrea (@fausto.biocorrendo)

Potrebbe interessarti anche —>>> Ragazza violentata da tre uomini mentre tornava a casa da scuola

L’uomo trentaduenne è stato interrogato dall’arma dei Carabinieri. Ed arrestato dopo tre ore di interrogatorio per aver ammesso di essere l’artefice del delitto. Pare che egli vivesse nella stessa abitazione della vittima, seppur su piani differenti, e avesse ricominciato da pochi mesi a lavorare per il pascolo. Il movente secondo l’uomo di origini ganesi sarebbe stato il ritardo del suo ultimo stipendio. In seguito ad una lite, egli avrebbe colpito la donna più volte con un martello per poi violentarla.

 

Secondo alcune testimonianze degli abitanti del comune di Frassilongo, la donna originaria di Addis Abeba era già stata esposta ad episodi di violenza. Una violenza silenziosa e prettamente verbale, che poggiava però le sue basi, questa volta, su un latente odio razziale. Nonostante ciò pare che Agitu fosse anche rispettata e che venisse reso merito al suo lavoro. Ad aver scoperto il corpo della donna sono stati i suoi vicini di casa il giorno successivo.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

carabinieri
carabinieri (getty images)

Inoltre, un geometra di sua conoscenza, sembrerebbe essersi presto allarmato non vedendola arrivare ad un appuntamento quella mattina. Egli fu il primo a sospettare che le fosse accaduto qualcosa vista la sua solita puntualità e precisione. La sempre attenta ai dettagli, ed oggi paurosamente sfortunata, azienda di Agito era stata anche protagonista di alcune trasmissioni televisive.