Napoli, traguardo nella ricerca contro il carcinoma mammario triplo

Scoperto un meccanismo molecolare legato al carcinoma mammario triplo che causa metastasi polmonari. Lo studio apre la strada a diagnosi precoci e a possibili terapie.

laboratorio ricerca
laboratorio ricerca (Getty Images)

Passi in avanti nella lotta al carcinoma mammario triplo negativo. Uno studio condotto da ricercatori del Ceinge-Biotecnologia Avanzata di Napoli ha rivelato l’esistenza di un meccanismo molecolare che comporterebbe metastasi polmonari. La ricerca porta a nuove possibilità nell’ambito delle diagnosi precoci. E non solo. Apre anche la strada a nuove terapie.

Tumore al seno più aggressivo, il carcinoma mammario triplo negativo colpisce soprattutto soggetti in giovane età. La patologia rappresenta il 20% dei tumori al seno e comporta un maggior sviluppo delle metastasi.

La prognosi delle pazienti con il triplo negativo metastatico è peggiore rispetto a quelle diagnosticate con altri sottotipi di cancro al seno metastatico.

LEGGI ANCHE > Proprietà antitumorali broccoli: la potente azione anticancro

Scoperto un meccanismo molecolare che causa metastasi polmonari: lo studio dei ricercatori di Napoli

ricerca
ricerca (Foto di Michal Jarmoluk da Pixabay)

LEGGI ANCHE > Covid, le reazioni dei primi vaccinati in Italia: il loro stato di salute

I ricercatori di Napoli di Ceinge-Biotecnologie avanzate hanno realizzato lo studio in collaborazione con il Dipartimento di Medicina Molecolare e Biotecnologie Mediche (Università di Napoli Federico II) e l’Unità di Patologia dell’Istituto nazionale dei Tumori Ircs Fondazione Pascale.

Nella ricerca è stato dimostrato che la proteina Prune-1 è iper-espressa in circa il 50% dei pazienti con carcinoma al seno triplo negativo. Inoltre è stata evidenziata la progressione progressione del tumore a metastasi a distanza polmonari e anche alla presenza di macrofagi M2.

Nell’ambito della studio è stato anche individuato nel modello murino una piccola molecola non tossica. Questa inibirebbe la conversione dei macrofagi verso il fenotipo M2  ridurrebbero il processo metastatico al polmone.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter

ricerca
ricerca (Foto di PublicDomainPictures da Pixabay)

Un traguardo molto importante, raggiunto dal team di ricercatori sotto la guida del professore e genetista Massimo Zollo dell’Università di Napoli Federico e Principal Investigator del CEINGE. Finanziata dall’Unione Europea, la ricerca è stata pubblicata sulla rivista scientifica internazionale ISCIENCE.