Mascherine e distanziamento, ancora lontano l’abbandono nonostante il vaccino

Almeno sino alla fine del 2021, bisognerà continuare a rispettare le norme di prevenzione anti-Covid come l’utilizzo della mascherina ed il distanziamento: spiegato il perché.

Mascherina distanziamento per quanto tempo
(Getty Images)

Per un effettivo ritorno alla normalità bisognerà attendere ancora un po’. La campagna vaccinale è appena iniziata ed, almeno fino a quando non si sarà raggiunta un’immunità totale della popolazione, bisognerà continuare ad indossare la mascherina e rispettare il distanziamento sociale. Sul punto ad essere concordi numerosi virologi.

Leggi anche —> Infermiere positivo dopo vaccino, la risposta da parte di Pfizer

Mascherine e distanziamento anche dopo il vaccino: spiegato il motivo

Coronavirus Milano
(Getty Images)

Leggi anche —> I consigli del Dott. Costantino sulla somministrazione del vaccino Pfizer – IL VIDEO

Ancora un anno, questa è la stima degli esperti che vedono solo nella fine del 2021 un vero ritorno alla normalità. Vero, la campagna vaccinale è iniziata, ma prima che venga raggiunta l’immunità di gregge ci vorrà del tempo. Per spezzare la catena del contagio, dunque, mascherine, distanziamento e frequente igienizzazione delle mani. Una considerazione condivisa da numerosi virologi, tra cui Walter Ricciardi. Il consulente di Roberto Speranza, Ministro della Salute, ha rilasciato sul punto un’intervista riporta Fanpage, spiegando la circostanza. “Il vaccino anti-Covid non deve tradursi in una riduzione delle misure sino ad oggi applicate, ciò almeno sino a quando non sarà raggiunta l’immunità della popolazione. Questo dipenderà dalla velocità con cui si riuscirà ad immunizzarla“. Ciò significa, ha proseguito Ricciardi, che per la quasi totalità del 2021 bisognerà rispettare le misure di prevenzione.

Dello stesso avviso il professor Fabrizio Pregliasco, riferisce la redazione di Fanpage, il quale avrebbe rimarcato l’importanza di indossare la mascherina sino alla fine del prossimo anno. L’arrivo del vaccino non significa un ritorno di colpo alla normalità, con esso si conterrà maggiormente il virus. Il noto virologo ha poi posto l’attenzione su di un aspetto da non sottovalutare: le nazioni che riusciranno per prima a vaccinare la maggior parte della popolazione saranno quelle che potranno più rapidamente ripartire a livello economico.

Parole che fanno da eco a quelle di Andrea Crisanti, il quale ha sottolineato la necessità di continuare ad operare prudenza. Il professore ha spiegato che non bisogna allarmarsi, gli effetti del vaccino inizieranno a vedersi prima di quanto si creda.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.


L’effetto scudo del vaccino, così come lo ha definito, dispiegherà i propri effetti in men che non si dica. Tuttavia, Crisanti ha voluto precisare come, quanto all’immunità di gregge, invece, bisognerà aspettare la fine del prossimo anno.