Capodanno: organizzate diverse feste illegali nonostante il coprifuoco

Durante la notte di Capodanno sono state organizzate diverse feste illegali nonostante il coprifuoco da coronavirus.

Nonostante qualche giorno fa l’Apple abbia rimosso Vybe Together, la neonata applicazione dedicata all’organizzazione di feste clandestine nonostante le restrizioni da Covid-19; diversi incontri illegali si sono comunque verificati durante la notte tra 2020 e 2021. Gli assembramenti nei party hanno interessato specialmente la capitale, Parigi, zona Champs Elysées, Marsiglia e la regione francese della Bretagna: luoghi dove numerose feste hanno riunito sotto banco centinaia di persone nonostante l’emergenza coronavirus. Secondo quanto riporta Cnews, una festa avrebbe addirittura avuto inizio giovedì sera a Lieuron, a sud di Rennes (Ile-et-Vilaine). Questa mattina, venerdì 1 gennaio, il party contava circa 2.500 partecipanti, sia francesi sia di nazionalità estera.

LEGGI ANCHE >>> Apple rimuove Vybe Together: l’app dedicata all’organizzazione di feste

La violenza dei partecipanti contro i gendarmi, intervenuti per bloccare i raduni musicali: feriti con bottiglie e sassi

polizia francese
Polizia francese (Getty Images)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Aereo precipita in un fiume: muore un’intera famiglia

I media locali riferiscono che i gendarmi aveva già cercato di impedire la promozione della festa clandestina giovedì sera. Gli ufficiali hanno affrontato la violenta ostilità dei partecipanti. Secondo l’Ouest-France, durante l’operazione, un veicolo delle forze dell’ordine è stato incendiato mentre “altri (poliziotti) sono stati colpiti da bottiglie e sassi, ferendosi lievemente” – riporta la stessa fonte. Attualmente, un grande sistema di gendarmeria si sta mobilitando per salvaguardare e proteggere le aree adiacenti. I soccorritori sono intervenuti sul posto per distribuire gel, mascherina e altri dispositivi di sicurezza “al fine di limitare il rischio di diffusione del virus durante la festa”, bandita con decreto prefettizio. La procura ha aperto le indagini investigative sia per scoprire le dinamiche dell’illecita organizzazione dei “raduni festivi a carattere musicale” sia per incriminare gli atti di “violenza volontaria contro pubblico ufficiale”.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

Polizia francese (Getty Images)

A Marsiglia, un gruppo di 300 persone è stato interrotto e disperso dalla polizia a Capodanno. Più di 150 partecipanti sono stati multati per aver violato il coprifuoco.

Fonte: Cnews