“Solitudine una compagna di viaggio”: racconto toccante di Roberto Bolle

Roberto Bolle racconta il suo passato. Tra sfide e traguardi in particolare svela un’esperienza che lo ha segnato.  “Ero poco più che un bambino”, le parole toccanti del ballerino tra i più famosi al mondo. 

Roberto Bolle
Roberto Bolle (Getty Images)

Stella della danza a livello planetario. Roberto Bolle è uno tra i ballerini più apprezzati. Fisico scolpito, 45 anni, Bolle è in assoluto il primo a essere in contemporanea Etoile alla Scala di Milano e Principal dancer all’American Ballet Theatre di New York.  

Famoso anche per il ruolo di conduttore, Bolle è molto riservato in merito alla sua vita privata. Tuttavia in un’intervista a Vanity Fair ha raccontato del suo passato. In particolare il ballerino ha parlato di un’esperienza che ha segnato per sempre la sua vita. 

LEGGI ANCHE >  Roberto Bolle, arriva la verità sull’orientamento sessuale

Un talento già nell’adolescenza:  “Sono stato un soldato”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Roberto Bolle (@robertobolle)

 LEGGI ANCHE >  “Danza con Me”, tutti gli ospiti di Roberto Bolle che daranno il benvenuto al nuovo anno

Nell’intervista rilasciata a Vanity Fair, Bolle ha raccontato che era stato scoperto a soli 12 anni e pertanto si era dovuto allontanare dalla sua casa di Casale Monferrato. Trasferitosi a Milano, aveva iniziato la sua carriera di ballerino. 

“Non mi pesavano i lunghi corsi, le lunghe ore di lezioni. Mi pesava dover aspettare da solo la mensa, tornare da solo a casa della donna da cui alloggiavo, chiudermi da solo in camera e fare da solo i compiti. Ero poco più che un bambino, mi mancavano i miei genitori, i miei fratelli. Piangevo”, le toccanti parole di Bolle.

Il ballerino parla di come la solitudine sia stata una sua compagna di viaggio. Una grossa sfida per Roberto, soprattutto in quegli anni dell’adolescenza. 

“So di aver rinunciato, all’infanzia, all’adolescenza e alla giovinezza. Sono stato un soldato. Il mio destino me lo sono scelto. Al mio futuro sono andato incontro”, commenta il ballerino. 

Bolle racconta poi che nel suo mestiere non è stato fondamentale curare solo corpo ma anche la mente. “La danza ti porta a migliorare corpo e spirito. Regali sogni e magia. Ma come per tutto esiste un prezzo”, aggiunge.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Roberto Bolle (@robertobolle)

Un esempio di forza e determinazione. Fattori che, uniti al talento straordinario del ballerino, ha portato Bolle al successo mondiale