Arrestato il figlio di Franco Colleoni: ora ammette l’omicidio

Il figlio 34enne dell’ex segretario provinciale della Lega, Franco Colleoni, è stato arrestato: le prove del crimine vertono tutte su di lui.

arrestato figlio Franco Colleoni
Un arresto (Getty Images)

Il figlio trentaquattrenne dell’ex segretario provinciale della Lega, Franco Colleoni, assassinato a Dalmine lo scorso 2 gennaio, è stato arrestato dall’Arma dei Carabinieri. Le prove sembrerebbero in questo momento vertere tutte su di lui. Dopo essere stato interrogato, Francesco Colleoni, ha esposto i fatti di quella giornata. Ha raccontato l’acerba lite con il genitore. Ed una consecutiva colluttazione con il padre avvenuta nel cortile della propria abitazione.

Leggi anche —>>> Omicidio in famiglia: uccide il padre della ragazza a Natale

Omicidio di Franco Colleoni: la pista e l’arresto

Potrebbe interessarti anche —>>> Omicidio Ancona, il presunto responsabile aveva insultato la vittima in un video sui social

Secondo quanto è emerso dalle indagini delle forze dell’ordine, i due sarebbero stati in disaccordo in merito alla riapertura della trattoria di famiglia, Il Carroccio. L’attività era gestita in comune. Ed il figlio dell’imprenditore, probabilmente non accettando la sua opinione sarebbe inveito su di lui, provocando il decesso a causa di violenti percosse.

Il ragazzo, che nell’attività aveva il ruolo di chef, ha inoltre raccontanto di non riuscire a rivivere la scena, dopo la lite non sarebbe in grado di ricordare più cosa è accaduto in seguito.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Carabinieri
Carabinieri (mino21 – Adobe Stock)

L’ex segretario, vittima della violenza del figlio, avrebbe battuto la testa ripetutamente su una pietra all’interno del giardino di casa. In seguito alla sua spontanea dichiarazione il Pm in carica per il caso Fabrizio Gaverini lo ha interrogato in presenza del suo avvocato d’ufficio, che lo ha condotto immediatamente presso la Casa Circondariale di Bergamo.