Il Coronavirus non esiste: arrestato il prete negazionista

Padre Sergij è stato arrestato per incitamento al suicidio e per la diffusione di teorie complottiste sul vaccino anti-Covid.

Chiesa in russia
Chiesa ortodossa in Russia (Getty Images)

Ci troviamo a Mosca, in Russia, dove il prete negazionista è stato arrestato durante la notte tra 28 e 29 dicembre 2020. La guardia nazionale russa, meglio conosciuta come “Rosgvardija” (росгвардия), ha fatto irruzione nel convento dove Padre Sergij, Nijolaj Romanov, si era rifugiato, barricandosi all’interno insieme a centinaia di suore. L’uomo è stato inoltre scomunicato per aver sempre negato l’esistenza della pandemia virale. Nel mirino delle sue critiche rientravano anche il presidente Putin, il Cremlino e la religione della Chiesa Ortodossa. Difatti, secondo il prete la “pseudo-pandemia” è un’invenzione dell’Anticristo per imprigionare i credenti nel “campo di concentramento elettronico di Satana”.

LEGGI ANCHE >>> Usa, pressioni di Trump al segretario della Georgia: chiesto ricalcolo dei voti

La tesi del complotto e l’incitamento al suicidio hanno provocato la scomunica e l’arresto di Padre Sergij

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Giovane donna aggredita da otto uomini nella RER A

Durante la conferenza stampa, l’avvocato di Sergij, Svetlana Gerasimova, ha risposto alle domande dei giornalisti. La donna ha confermato la scomunica e l’arresto del prete, “accusato di sedizione, violazione del diritto alla libertà di coscienza”, nonché di “plagio di minori con istigazione al suicidio”. Il profeta degli Urali, difeso per mesi dai suoi seguaci, aveva infatti sequestrato diversi bambini in un monastero. Padre Sergij aveva descritto i vaccini sviluppati contro Covid-19 come uno strumento di manipolazione delle masse; un complotto globale per controllare il popolo attraverso l’inserimento di un chip sotto l’epidermide. L’uomo ha incitato i suoi fedeli a resistere alle “forze dell’Anticristo”, rappresentate in particolare dai gerarchi della Chiesa ortodossa, tra i quali il patriarca Kirill, e dai propagandisti Covid, considerati un inganno delle “forze oscure” contro i veri credenti.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

L’uomo ha infine accusato Vladimir Putin di “tradimento della madrepatria”: il presidente avrebbe sfruttato la pseudo-mandemia per servire il “Governo mondiale di Satana.“

Fonte: Asia news