Ufficiale terzo lockdown: situazione allarmante

Boris Johnson, premier britannico, ha ufficializzato il terzo lockdown nazionale. L’aumento esponenziale dei casi Covid richiede una chiusura totale ed immediata

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Boris Johnson (@borisjohnsonuk)

A fronte dei gravissimi dati che si registrano attualmente in Gran Bretagna, Boris Johnson ha annunciato attraverso una diretta televisiva la chiusura totale del Paese. Il primo ministro, considerato l’aumento esponenziale dei casi Covid, si vede costretto ad imporre il terzo lockdown ufficiale, con misure che entreranno in vigore nel più breve tempo possibile. Nelle ultime 24 ore, la Gran Bretagna ha registrato 58.784 nuovi positivi, su un numero di tamponi pari a 430.000. Preoccupa la variante inglese, la cui contagiosità sarebbe superiore del 50-70%.

LEGGI ANCHE —> Usa, salgono i morti per Covid: a Los Angeles manca il legno per costruire le bare

Boris Johnson impone il lockdown: “La situazione è allarmante”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Boris Johnson (@borisjohnsonuk)

LEGGI ANCHE —> Vaccino a Settembre, l’annuncio di Boris

Attraverso un discorso televisivo, Boris Johnson ha annunciato l’imposizione di un lockdown generale in tutta la Gran Bretagna. “La situazione è allarmante“, ha dichiarato il primo ministro, che di fronte all’aumento dei nuovi positivi ha dovuto prendere delle decisioni drastiche. Confermata anche la chiusura delle scuole primarie e secondarie, sostituite dalla didattica a distanza.

Voglio sottolineare che il problema non è che le scuole non siano sicure, ma che queste possono agire come vettori di trasmissione“: queste, nello specifico, le dichiarazioni del premier. Johnson ha tuttavia voluto rassicurare i cittadini in merito alla questione del vaccino: “Se le cose vanno bene, a metà febbraio le categorie prioritarie saranno state vaccinate con la prima dose“.

A destare preoccupazione è inoltre la variante inglese del virus, la cui maggiore contagiosità si assesta intorno al 50-70%. Le raccomandazioni del primo ministro rimangono le stesse: stare a casa ed evitare il più possibile i contatti.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Boris Johnson (@borisjohnsonuk)

Attualmente, il quadro sanitario britannico appare alquanto allarmante. Stando ai dati registrati nelle ultime settimane, il numero dei ricoveri sarebbe aumentato del 40% rispetto alla prima ondata di marzo.