Aggressione a un migrante fuori dal supermercato, interviene un 18enne

A Casarano, fuori da un supermercato, un migrante è stato vittima di un’aggressione fermata da un ragazzo 18enne che si è rivolto al 112, determinando l’arresto degli aggressori. 

18enne impedisce pestaggio
Carabinieri (Pixabay)

L’accadimento risale a sabato 2 gennaio a Casarano, provincia di Lecce, all’uscita dal supermercato dove la vittima era solita a chiedere elemosina ai clienti. Il migrante avrebbe rimproverato i giovani aggressori che non mantenevano un comportamento decoroso nei confronti della clientela e non indossavano la mascherina, e lì si sarebbe consumata l’aggressione verbale e fisica.

Leggi anche —> Rider rapinato e minacciato, è il secondo caso in pochi giorni

Casarano, 18enne interviene per fermare l’aggressione ad un migrante fuori da un supermercato

salmonella carne richiamo lotto
(Getty Images)

Leggi anche —> Torino: indagati i negazionisti che bloccarono un’ambulanza

Il giovane ragazzo che ha vinto l’indifferenza e si è mosso in difesa della vittima è Emanuele Garzia di Matino, studente di un Istituto Professionale Tecnico Chimico, aspira a diventare carabiniere come il padre.

Stava uscendo con la sorella dal supermercato, quando si è accorto di un membro del gruppetto che si affiancava al migrante: “È stato un attimo – racconta il giovane, come riporta Fanpage lo ha guardato negli occhi e gli ha sferrato un pugno in pieno volto, poi è rientrato nel supermercato ed è tornato con i suoi amici“.

A questo punto interviene Emanuele che prova a interrompere la rissa senza essere ascoltato dai ragazzi che impegnati a picchiare la vittima non hanno cessato nemmeno alla minaccia di una chiamata alle forze dell’ordine, che è stata prontamente effettuata, portando all’arresto di due persone.

Non si considera un eroe, Emanuele ritiene di aver fatto il suo dovere di cittadino impedendo una violenza verso una persona che non poteva difendersi. Il ragazzo ha raccontato di essere pronto a ripetere il suo gesto di cui non si pente.  “So che il mio intervento – aggiunge, come riporta Fanpage– è stato di aiuto per bloccare quei ragazzi e sono convinto di aver agito come ognuno dovrebbe“.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.

Carabinieri (Getty Images)

Emanuele ha poi descritto il ragazzo, vittima dell’aggressione, come una brava persona, un giovane mai violento con nessuno. Il suo desiderio è di poterlo presto incontrare e manifestargli la propria solidarietà.