Flavio Briatore, la decisione è definitiva: l’addio straziante dell’imprenditore

Flavio Briatore, la decisione è definitiva: l’addio straziante dell’imprenditore. È stato inevitabile e non è stato facile per lui arrivare a questo punto

Flavio Briatore
Flavio Briatore, Facebook

Flavio Briatore deve fare i conti con un duro colpo: ha deciso di mettere all’asta lo yacht Blue Force. Era stata sequestrata nel 2021 mentre lui stesso si trovava a bordo con la sua famiglia. I costi della manutenzione e della gestione sono troppo alti e, successivamente, la Corte d’Appello di Genova ha optato per l’asta. L’imbarcazione venne sequestrata nell’ambito di un’indagine che portò a scoprire un’evasione fiscale da parte dell’imprenditore per una cifra di 3,4 milioni di euro.

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE –> Giorgia Rossi, in rosso toglie il fiato: record di likes per l’ultimo scatto FOTO

Flavio Briatore, l’addio inaspettato e doloroso allo yacht dopo le accuse molto pesanti

Tantissime le critiche sui social per il re del Billionaire
Flavio Briatore (Getty Images)

L’asta si terrà il 27 gennaio, anche se c’è la possibilità che il futuro acquirente possa restare deluso. Due settimane dopo ci sarà la sentenza della Cassazione che potrebbe restituirgli lo yacht. Alcune indiscrezioni, infatti, ci riferiscono che Flavio sia molto arrabbiato per quanto accaduto e che vedrebbe questo gesto come un dispetto nei suoi confronti. Le accuse nei suoi confronti, però, restano davvero molto pesanti. La procura di Genova sostiene che nel 2017, l’imprenditore si accordò con il direttore dell’Agenzia delle Entrate Walter Pardini per essere assolto in appello.

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE –> Grande Fratello Vip fuori onda durante la puntata: concorrente crolla nella casa

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

Flavio Briatore
L’imprenditore Flavio Briatore (getty images)

Il Fatto Quotidiano ha tra l’altro anticipato che i due pm che si stanno attualmente occupando dell’indagine nei suoi confronti, sono pronti a chiedere un nuovo rinvio a giudizio per Flavio, con l’accusa di tentato depistaggio e corruzione.