Varese: rissa e feriti tra centinaia di adolescenti, il richiamo dei social

Una maxxi rissa si è ferificata a Varese dove centinaia di adolcescenti si sono scontrati dopo essersi dati appuntamento tramite i social.

Rissa varese adolescenti Gallarate
Rissa (Getty Images)

Un ulteriore appuntamento sui social con il richiamo della violenza, quello verificatosi a Gallarate in provincia di Varese nella giornata di ieri. Cappucci e mascherine utilizzate per scopi ben diversi da quelli usuali ed i social network come principale mezzo di informazione.  Centinaia di adolescenti suddivisi in due gruppi rivali, e con armi improvvisate sul momento, si sono scontrati dopo essersi dati appuntamento nel pomeriggio.

Leggi anche —>>> Maxi rissa in pieno centro, 400 ragazzi in piazza: indagano i Carabinieri

Varese: rissa e feriti, interviene la Polizia

Potrebbe interessarti anche —>>> Maxi rissa in centro tra adolescenti: due nuovi episodi in poche ore

Secondo quanto emerso dal quadro generale degli agenti della Polizia Locale accorsi sul luogo della “battaglia” a suon di bastoni e catene, sembrerebbe che non sia stato così immediato porre fine agli atti di violenza. Tra la difficoltà di intervenire su ragazzi minorenni e la loro spinta a continuare nel cieco scontro, ci sarebbe un ferito. Un ragazzo di quattordici anni ha riportato una ferita aparentemente non profonda alla testa.

L’evento rissoso è stato in seguito portato al termine grazie all’intervento delle forze dell’ordine e di fronte allo sguardo basito dei testimoni che si trovavano casualmente a passeggiare ignari del conflitto. Con certezza è stato affermato che i ragazzi, oltre ad altri social, hanno utilizzato la piattaforma di messaggistica Whatsapp per darsi l’appuntamento.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Polizia rissa Varese adolescenti
Polizia (mino21 – AdobeStock)

Ad essere incerta è ancora la motivazione che ha effettivamente spinto così tanti adolescenti ad affrontarsi fisicamente. Nel frattempo indagini proseguono e con l’acquisizione delle immagini della videosorveglianza gli investigatori probabilmente potranno avere un quadro più chiaro della situazione.