Renato Pozzetto, tutto quello che non sapevi su “Il ragazzo di campagna”. Stasera su Rete 4

Stasera in tv il film cult “Il ragazzo di campagna”, commedia del 1984 interpretata da Renato Pozzetto e Massimo Boldi

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Artemio di Borgo Tre Case (@artemioilragazzodicampagna)

Renato Pozzetto ha raggiunto gli 80 anni lo scorso luglio ma è ancora uno degli attori italiani che ha maggiormente influenzato il cinema italiano con la sua ironia esuberante e una bravura spiccata nel cambiare ruoli a seconda del contesto.

Stasera su Rete 4 andrà in onda un film cult in cui lui ha recitato con Massimo Boldi. Si tratta de “Il ragazzo di campagna” uscito nel 1984 e subito classificato tra le migliori pellicole dell’attore. La trama vuole un giovane Pozzetto, Artemio nel film, che alla soglia dei suoi 40 anni è stanco di trascorrere le sue giornate solo casa e lavoro e quindi decide di partire verso Milano all’avventura per cambiare la sua noiosa vita.

Esistono alcune curiosità legate al film che però pochi conoscono e che meritano un po’ di attenzione visto che stasera viene trasmessa la replica. Vediamole insieme.

LEGGI ANCHE -> Carlo Conti, il triste annuncio durante un’intervista: “Ho dovuto abbandonarla…”

Cinque curiosità sul film “Il ragazzo di campagna” che non conoscevi

LEGGI ANCHE –> Alberto Matano, a “Domenica In” la rivelazione sulla sua storia d’amore

  • La prima curiosità è legata alle location in cui sono state girate le scene del film. Le sequenze relative la vita nelle campagne della Pianura Padana sono state prese nei pressi di Molino d’Isella, località di Gambolò e in località Ca ad Bo e Casoni di Carbonara al Ticino, due piccole frazioni della Lomellina, nella provincia pavese.
  • Il ruolo di Artemio in un primo momento era stato proposto ad Enrico Montesano che però in quel periodo era impegnato nelle riprese de “I due carabinieri” con Carlo Verdone.
  • Una delle scene più memorabili del film è quella in cui Enzo Garinei illustra con fare orgoglioso un monolocale “invivibile” all’interno del suo residence. Ma come nasce quella battuta storica? Il “taaac” della scena del monolocale prende spunto da un cliente del Bar Gattullo, storico ritrovo di Renato Pozzetto e Cochi Ponzoni.
  • Fino al 2019 i fan della pellicola organizzavano ogni anno un ritrovo celebrativo per ripetere la celebre scena del treno: “L’ultima volta c’erano 500 persone – raccontava Pozzetto proprio nel 2019 – e ci sono andato, ho scaricato la sedia dalla macchina e pure io mi sono seduto ad aspettare”. 

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter

Renato Pozzetto, tutto quello che non sapevi su “Il ragazzo di campagna”. Stasera su Rete 4
Pozzetto, raduno alla stazione del treno 2019 (foto dal web)
  • L’attrice Clara Colosimo che nel film era la signora Giovanna, è stata doppiata. Infatti la mamma di Artemio ha la voce di Liù Bosisio, storica doppiatrice di Marge Simpson e amata Pina Fantozzi (moglie del ragionier Ugo) nei primi film della saga.