Coronavirus, porta a spasso il ragazzo al guinzaglio: multata dalla polizia

Portava a spasso il suo partner al guinzaglio come un cane. La donna è stata multata per aver violato il coprifuoco.

La pandemia virale continua a circolare e molti paesi in tutto il mondo stanno introducendo restrizioni sempre più severe nel tentativo di contenere la diffusione del coronavirus. In Quebec, in Canada, è stato implementato in merito un rigido coprifuoco. La sua durata di quattro settimane richiede ai residenti di rimanere all’interno delle loro abitazioni a partire dalle ore 20:00 di sera fino alle 5:00 di mattina. Come tutte le limitazioni, anche in questo caso ci sono alcune esenzioni alla regola. Difatti, le restrizioni si allentano per i dipendenti che devono necessariamente viaggiare per motivi lavorativi o, ancora, per coloro che hanno bisogno di portare a spasso i loro cani.

LEGGI ANCHE >>> “F*ck Black Lives Matter”: i pro-Trump picchiano una donna di colore

A spasso con il compagno, al guinzaglio come un cane

TI POTREBBE INTERESSARE >>> Covid-19, l’OMS: nessuna immunità di gregge per il 2021

“Non ci posso credere.” – scrive un utente su Twitter – “Il suo compagno. Al guinzaglio.” Il post che ha fatto il giro dei social networks annuncia la notizia: “una donna stava passeggiando in rue King Est”, boulevard urbano di Sherbrooke e, secondo quanto riporta il quotidiano locale La Tribune, la signora è stata multata perché al guinzaglio non c’era il suo cane, bensì il suo compagno. Isabelle Gendron, del dipartimento di polizia di Sherbrooke, ha dichiarato che “la coppia non ha collaborato affatto con i pubblici ufficiali” e a entrambi sono state rilasciate dichiarazioni di violazione dello statuto comunale. Tuttavia, la donna ha annunciato di non aver alcuna intenzione di pagare la multa; anzi, questa sarà aggiunta alle prossime che accumulerà nel tempo.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Attualmente, l’ammontare della recidiva si aggira a un valore pari a 5.000 euro. La notizia si è rapidamente diffusa tra le diverse piattaforme social, suscitando dubbio e ilarità tra gli utenti.

Fonte La Tribune