La senape, da dove viene questa spezia piccante perfetta per chi è a dieta

La senape è una spezia dal gusto particolarissimo, molto aromatica e anche un po’ piccante. E’ perfetta per accompagnare salsicce, carne alla brace ma non solo. Grazie alle sue incredibili proprietà, tra le quali quella di accelerare il metabolismo, aiutano nel dimagrimento ed è per questo che il vostro dietologo o nutrizionista non vi nega un cucchiaino di senape di Digione vicino una bistecca alla griglia.

senape
La senape è una spezia perfetta in cucina ma anche alleata del nostro benessere (Foto di stanbalik da Pixabay)

In questo articolo ti racconteremo quali sono le origini della senape e qual è la sua storia ma non solo. Ti mostreremo anche come utilizzarla in cucina per favorire la digestione e accelerare il metabolismo. Sarà un perfetto alleato per la tua dieta dimagrante e per il tuo benessere fisico.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Come usare l’anice stellato, alleato del benessere e profumato in cucina

Cos’è la senape e da dove viene

senape
La senape è una spezia molto aromatica con un retrogusto un po’ piccante che viene dall’Europa meridionale e dall’Africa settentrionale (Foto di Bruno /Germany da Pixabay)

Quando parliamo di senape devi sapere che non intendiamo la famosissima salsa che accompagna gli hot dog ma con il nome senape si indicano alcune specie di piante erbacee appartenenti alla famiglia delle Brassicacee o Crocifere.

Le piante di senape raramente raggiungono un’altezza superiore ai due metri, hanno foglie inferiori larghe, mentre le superiori sono piccole e allungate. I’inflorescenza è gialla a forma di pannocchia.

Il fiore sviluppa il frutto, che contiene numerosissimi semi piccoli e arrotondati da cui si ricava la famosa salsa di condimento, dal sapore tipicamente aspro e piccante.

Ma qual è l’origine di questa spezia che ci ritroviamo spessissimo sotto forma di intingolo dal sapore veramente tenace?

La pianta della senape è originaria dell’Asia, da cui risultano cenni sulla sua coltivazione già nel 3.000 a.C. Successivamente dall’India venne esportata in Occidente: Greci e Romani la utilizzavano come spezia pregiata, per conservare i cibi mescolandoli con aceto, miele, noci o spezie.

La pianta della senape è così antica da essere persino citata nella Bibbia dove viene paragonato il Regno di Dio al seme della senape, che nonostante sia così piccolo fa crescere una grande pianta.

Il nome della famosissima salsa, chiamata anche mostarda, deve il nome alla locuzione latina “mustus ardens”, ovvero mosto ardente per via della combinazione del mosto d’uva con i semi di senape.

Dall’emisfero asiatico la senape ha fatto il giro del mondo per arrivare in Francia chiamata anche “moutarde” e può essere di due qualità: la senape di Digione e la senape di Bordeaux.

La prima è conosciuta in tutto il mondo ed è di colore giallo con gli inconfondibili semi di color ocra ed è la tipologia più consumata in Francia.

In Inghilterra invece è più nota quella di Bordeaux, probabilmente perché questa città era il porto principale da cui partivano i vini francesi e gli altri prodotti tipici. Si tratta di una senape scura per via della presenza di crusca, zucchero e aceto ha un sapore più delicato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Come usare la curcuma in cucina, tutte le proprietà di una spezia miracolosa

Perché la senape è un perfetto alleato del tuo benessere

pancia piatta
Tra i benefici della senape c’è la facilitazione del processo digestivo e la velocizzazione del metabolismo (Pexels/pixabay)

Devi sapere che la senape ha proprietà eccezionali che riescono a far volare il metabolismo. E’ questo il motivo, infatti, per il quale la senape in grani o anche la salsa viene spesso usata in alcune diete dimagranti.

Questa è una spezia dalle tante proprietà come contrastare il mal di gola o il mal di testa, è ricca di omega 3, tantissime vitamine e sali minerali. Tuttavia, le sue proprietà dimagranti sono incredibili. 

Devi sapere che grazie a una ricerca dell’Oxford Polytechnic Instituite si è potuta misurare la capacità della senape di aumentare il metabolismo fino al 25%, consumandone un cucchiaino al giorno.

Tale proprietà è dovuta al fatto che è un termogenico, ossia, un alimento che dopo essere ingerito aumenta la temperatura del corpo e di conseguenza anche il consumo delle calorie.

Quello che ti consigliamo, dunque, è di insaporire i piatti con un pizzico di salsa di senape per dare più sapore e mangiare con gusto anche piatti molto light.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Come usare il coriandolo in cucina e quali sono le sue proprietà benefiche

Quali sono i valori nutrizionali della senape

Accelerare il metabolismo
I valori nutrizionali della senape sono bassi ed è per questo che viene usata nelle diete (Jarmoluk/pixabay)

Come ti abbiamo detto la senape è un’alleata del tuo benessere soprattutto se sei a dieta e dunque osservi un regime alimentare particolarmente povero di grassi e carboidrati ma ricco di fibre, proteine.

Intanto bisogna dire che si deve fare un po’ di differenza tra i semi di senape, la salsa di senape fatta in casa e quella realizzata a livello industriale e dunque piena di conservanti.

E’ chiaro che, per seguire un regime alimentare ipocalorico che ti aiuti a perdere peso, è meglio utilizzare una salsa di senape realizzata in casa con prodotti biologici.

Devi sapere che i semi di senape sono alimenti molto calorici e ciò è dovuto alla bassissima concentrazione d’acqua. L’energia proviene soprattutto dai lipidi, che hanno una ripartizione degli acidi grassi a favore degli insaturi.

Questo non vuol dire però che sia “grassa” o meglio che i grassi in essa contenuti siano cattivi anche perché le quantità di proteine e di carboidrati contribuiscono notevolmente all’apporto calorico totale.

La salsa di senape, invece, essendo molto ricca d’acqua non ha le stesse caratteristiche chimiche e dunque una frazione nutrizionale decisamente più diluita.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —>  Come usare il cardamomo, la spezia orientale che sta spopolando anche in Europa

Come usare la senape in un menù speciale

senape
La senape può essere utilizzata nelle diete per conferire più sapore agli alimenti (Foto di Wow Phochiangrak da Pixabay)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> La cannella, come si usa in cucina e quali sono le sue proprietà benefiche

La senape, come abbiamo detto, può arricchire i tuoi piatti soprattutto se stai seguendo un regime alimentare controllato e povero di calorie.

Qui ti daremo alcuni spunti interessanti e gustosi per fare un figurone con i tuoi ospiti e dare un tocco più spinto e vivace alle tue pietanze.

  • Pollo alla crema. Questa è una preparazione diversa dal solito del pollo che riscuoterà successo anche tra i tuoi bambini per il gusto vivace e buonissimo di questo piatto. Inizia subito tagliando il petto di pollo a cubetti non troppo grandi e mettilo da parte. Poi fai un trito di sedano, carota e cipolla e mettili in un tegame abbastanza capiente insieme con una dose generosa di olio extra vergine di oliva. Fai rosolare per bene le verdure. Nel frattempo infarina il pollo con della farina di riso che risulterà più leggera e aromatica della farina 00. Quando le verdure nel tagame saranno “bionde” mettici dentro i pezzetti di pollo infarinati e falli rosolare per bene su tutti i lati. Sala per bene il pollo e quando sarà rosolato su tutti i lati sfuma con mezzo bicchiere di latte intero. Gira di tanto in tanto e poco prima che il latte si asciughi lasciando un sughetto denso aggiungi un bel cucchiaio di salsa di senape. Quando il pollo sarà cotto spegni il gas e impiattalo;
  • Fusi di pollo con senape e pancetta. Questa è una ricetta tradizionale rivisitata con un tocco di salsa di senape che renderà il pollo molto gustoso. La ricetta è di molto semplice esecuzione. Ti basterà prendere i fusi di pollo e lavarli e pulirli per bene. Spennella le cosce con una buona dose di salsa di senape e avvolgile in delle gustosissime fette di pancetta. Mettile in una teglia da forno con qualche spicchio d’aglio, una macinata di pepe nero, dei ciuffetti di rosmarino e qualche foglia di salvia. Irrora le cosce con un bicchiere di vino bianco e un filo d’olio. Infine metti le cosce in forno preriscaldato a 180°C per 50 minuti. Quando noterai una fantastica doratura puoi tirare il pollo fuori dal forno e servirlo ai tuoi ospiti che si leccheranno i baffi;
  • Roast-beef all’inglese. Questo è un secondo tipico della tradizione anglosassone che viene preparato per pranzi speciali in famiglia e tra amici. Ma la cosa importante è che si tratta di una ricetta semplicissima. Come prima cosa ti consigliamo, per ottimizzare i tempi, di mettere a bollire le patate. Mentre cuociono ripulisci la carne dal grasso in eccesso. Fatto questo legala cosicché una volta cotta avrà una forma regolare. Se non sai legarla il nostro consiglio è quello di comprarla già legata. Adesso prepara in una terrina un paio di cucchiai di sale con erbe aromatiche tritate. Noi ti consigliamo il rosmarino, il prezzemolo, il timo e l’origano. Pesta tutto insieme con il sale e cospargi il pezzo di carne e massaggia dolcemente. Scalda un filo d’olio in un tegame e rosola la carne per bene da tutti i lati stando molto attenti a non bucarla. Non devi avere fretta, e solo quando la carne sarà ben rosolata trasferiscila di nuovo sul tagliere. Poi, prendi la terrina con il sale e le erbe avanzati e mettici un mezzo cucchiaio d’acqua e mescolare il tutto. Poi utilizzalo per ricoprire la parte superiore dell’arrosto. Una volta fatto questo trasferisci il pezzo di carne su una griglia posizionata all’interno di una leccarda. Cuoci il tutto in forno preriscaldato in modalità ventilata a 220° nel ripiano centrale fino a che la temperatura al cuore della carne sarà compresa tra i 48-52°. Nel frattempo le patate saranno cotte e puoi scolarle. Tagliale a metà e mettile a rosolarle con il burro. A questo punto non ti resta che affettare la carne e servire.

Bloody London, il cocktail esotico con i semi di senape

cocktail
Il Cocktail Absolut Bloody London è uno dei long drink più trasgressivi e afrodisiaci grazie al suo sapore intenso e piccante (Foto di Pexels da Pixabay)

Se vuoi stupire i tuoi ospiti con un drink di benvenuto elaborato e seducente ti consigliamo di provare il Bloody London, un cocktail dal sapore particolare e soprattutto dagli ingredienti insoliti.

Infatti in questa bevanda molto di moda nelle metropoli ci sono degli elementi che è strano trovare in un long drink come appunto la senape, la pasta di acciughe o la salsa Worcester.

Come prima cosa possiamo dirti che farlo è semplicissimo ma devi procurarti i seguenti ingredienti: il ghiaccio, della vodka (meglio se di buona qualità), un cucchiaio di salsa di senape, due cucchiai di salsa Worcester, un cucchiaino di pasta di acciughe, succo di pomodoro, pepe nero, porto rosso e una fetta di limone.

Preparare il Bloody London è semplicissimo e ti basterà riempire con cubetti di ghiaccio un miscelatore. Aggiungere tutti gli ingredienti. Mescolare e filtrare in un bicchiere highball riempito con cubetti di ghiaccio. Infine, decorare con limone e gustare.

Si tratta di un cocktail molto sapido e gustoso, perfetto per un aperitivo che ti stimoli l’appetito, da accompagnare a tartine, pesce crudo o anche semplicemente a dei grissini.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Le controindicazioni di un uso smodato della senape

senape
La senape è una spezia benefica per l’organismo tuttavia un uso smodato può causare problemi (Foto di Bruno /Germany da Pixabay)

La senape è una spezia che da grandi benefici soprattutto nell’accelerazione del metabolismo ma può anche provocare dei fastidi in alcuni soggetti che soffrono di patologie specifiche.

L’azione di stimolo dei succhi gastrici da parte della senape deve essere tenuta in considerazione da chi soffre di problemi gastrici, gastrite e ulcera. Infatti, a questi soggetti, viene sconsigliato un uso prolungato della senape nei piatti.

In più, la senape è spesso una delle cause di allergie più comuni. Molte persone con allergie alla senape sono anche sensibili alla colza oppure ad altri prodotti della famiglia delle Brassicaceae cioè broccoli, cavoli, cavoletti di Bruxelles, cavolfiori o rape.

Infine, è sconsigliato l’uso di questa spezia da parte di donne incinta o in fase di allattamento.