Topinambur, quali solo le proprietà e i benefici della radice alleata del colesterolo

Il topinambur è un alimento molto utile per contrastare il colesterolo cattivo e il diabete, ma è anche ipocalorico con azione probiotica

Topinambur, quali solo le proprietà e i benefici della radice alleata del colesterolo
Fiori topinambur (Foto di ivabalk da Pixabay)

Spesso lungo le strade possiamo imbatterci in bellissime margherite gialle con lo stelo grande, in realtà non sono altro che il fiore di una radice ancora poco conosciuta e apprezzata nelle tavole degli italiani. Parliamo del topinambur, un tubero della pianta Helianthus tuberosus L., noto anche come “carciofo di Gerusalemme”.

Questa radice è conosciuta da secoli soprattutto nei Paesi dell’Est del mondo per la sua azione probiotica e l’attività immunostimolante. In Europa è stata introdotta nel 1600 diffondendosi nelle zone a clima temperato lungo le coste o in Pianura dove ci sono molti corsi d’acqua.

Il tubero ha un colore all’esterno rosso-violaceo o bianco e la polpa bianco-verdastra, questa è carnosa, di sapore delicato simile al carciofo ma con la consistenza tipica della patata.

Il topinambur, pur presentandosi come un vero e proprio tubero, è un alimento ipocalorico con circa 30 kcal per 100g di alimento fresco. Contiene per l’80% acqua, circa il 15% di carboidrati, proteine per il 2-3% e sali minerali tra cui potassio, circa 400 mg, fosforo, calcio e magnesio. È ricco di vitamine A, vitamina B e vitamina H che aiuta a ridurre la stanchezza, inappetenza, sonnolenza e dolori muscolari.

LEGGI ANCHE -> Per combattere lo stress prima di dormire arriva in soccorso il miele. Vediamo come

Proprietà e benefici del Topinambur

Topinambur, quali solo le proprietà e i benefici della radice alleata del colesterolo
Topinambur (Foto di silviarita da Pixabay)

LEGGI ANCHE -> Rooibos, proprietà e benefici del tè rosso aiuto detox durante le feste

Se durante la guerra il topinambur era considerato il cibo dei poveri, oggi è presente in molti ristoranti stellati per la sua versatilità in cucina e il sapore terroso ma dolciastro al palato. Questo tubero, al pari del carciofo, può essere consumato crudo a fettine sottili oppure cotto senza buccia.

  • Proprio grazie al fatto di essere un alimento ipocalorico, è adatto alle persone diabetiche e con problemi di sovrappeso, questo per la presenza di contiene inulina, una molecola amica di queste due sintomatologie.
  • Il topinambur riduce l’assorbimento del colesterolo cattivo e degli zuccheri da parte dell’intestino. Per questo motivo è molto indicato per i diabetici in particolar modo di tipo 2.
  • È un’ottima fonte di potassio, ne contiene infatti molto di più rispetto alle banane identificate da sempre per il loro contenuto di potassio. I dati parlano chiaro: 100 grammi di topinambur contengono 429 milligrammi di potassio contro i 358 della banana. Il potassio è essenziale per la salute del cuore regolarizzando la pressione sanguigna.
  • Il lactobacillus che contiene lo rende utile alle donne che allattano, buon energetico, adatto nell’alimentazione degli anziani dei convalescenti e dei bambini.
  • Utile anche per le sue proprietà digestive. Assunto soprattutto la sera stimola la secrezione dei succhi gastrici e della bile, prevenendo problemi intestinali.
  • Non solo benefici per l’organismo ma anche per la cura della cosmesi personale. Ad esempio grattugiato e mescolato con dell’olio di oliva, mandorle o jojoba, è un ottimo nutriente per la pelle se massaggiato con regolarità oppure usato nel viso può fungere da peeling naturale.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

Topinambur, quali solo le proprietà e i benefici della radice alleata del colesterolo
Casoncelli di faraona, topinambur, castagne e melograno (foto Instagram)

Tra le caratteristiche favorevoli da segnalare, la lunga conservabilità del topinambur, che si mantiene per molti giorni senza decomporsi in dispensa o in frigo. È possibile trovarlo anche sotto forma di farina che aggiunta in piccole percentuali ad altre farine rende i preparati adatti a diabetici e a persone con problemi di intestino pigro.