Covid, pronta una nuova ordinanza: come cambieranno i colori delle Regioni

Covid, il ministro Speranza si appresta a firmare una nuova ordinanza: a partire da domenica 17 gennaio, molte Regioni vedranno cambiare il proprio colore

Roberto Speranza
Roberto Speranza (Getty Images)

Stando alle indiscrezioni, il ministro Speranza dovrebbe firmare a breve un’ordinanza volta alla modificazione dei colori delle Regioni. Fino a domani, sabato 16 gennaio, la situazione rimarrà quella corrente: quasi tutta l’Italia si trova in zona gialla, ad eccezione di Sicilia, Calabria, Emilia Romagna, Lombardia e Veneto, in zona arancione. E’ attesa per questa sera la firma del nuovo Dpcm da parte di Giuseppe Conte, che prenderà in esame i dati forniti dal ministro della salute. Nel weekend, la situazione cambierà per la maggior parte delle Regioni.

LEGGI ANCHE —> Nuovo Dpcm, le norme per la visita a parenti e amici

Covid, novità a partire da domenica: cosa cambierà per le Regioni

Speranza, nuovi colori per le Regioni
Speranza, nuovi colori per le Regioni (Getty Images)

LEGGI ANCHE —> Nuovo decreto legge, introdotta la zona bianca: le Regioni che ne faranno parte

A partire da domenica 17 gennaio, solamente 6 Regioni rimarranno nella tanto ambita zona gialla. Si tratta di Campania, Basilicata, Sardegna, Toscana, Provincia autonoma di Trento e Molise. Come anticipato dalla stampa, nelle suddette località, riapriranno finalmente i musei, ma solo nei giorni feriali.

Si tingono di arancione le Regioni Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Abruzzo,  Piemonte, Umbria, Puglia e Valle D’Aosta. Situazione invariata per Calabria, Emilia Romagna e Veneto, che rimangono in zona arancione. Nelle Regioni gialle e arancioni, a partire dal 18 gennaio, gli studenti delle scuole superiori torneranno in presenza, ma solo per il 50% delle lezioni.

Speranza, sulla base dei dati forniti dalla Cabina di regia, avrebbe imposto la zona rossa per Lombardia, Sicilia e Provincia Autonoma di Bolzano. Nelle località di colore rosso, a partire dalla seconda media, rimane l’obbligo della didattica a distanza, ed il divieto di spostamento al di fuori del proprio comune.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte (Getty Images)

I nuovi provvedimenti andranno in vigore a partire da domenica 17 gennaio, e saranno validi fino al giorno 5 marzo 2021.