Treviso: licenziata maestra elementare negazionista

Licenziata una maestra di Treviso che si ostinava a ripetere ai suoi alunni che di Covid muoiono solo gli anziani

scuola elementare treviso
(Getty Images)

È stata licenziata Sabrina Pattarello, la maestra negazionista di una scuola elementare di Treviso che continuava a ripetere ai suoi alunni che di Covid muoiono solo gli anziani.

La donna, che era stata assunta proprio grazie ad un contratto anti Covid, sollecitava i suoi alunni ad avvicinarsi tra loro ed era solita non indossare la mascherina. A volere fortemente il suo licenziamento, oltra alla dirigente scolastica, i genitori degli alunni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Silvio Berlusconi ricoverato in ospedale: le condizioni del leader di Forza Italia

Treviso: maestra negazionista sollevata dall’incarico

scuola elementare treviso
(Getty Images)

E’ stata licenziata Sabrina Pattarello, la maestra della scuola elementare Giovanni XXIII di Treviso, che da giorni era al centro di un’accesa polemica. La donna aveva riportato le sue “convinzioni” in classe: non indossava la mascherina e invitava i suoi alunni ad avvicinare i banchi.

A pronunciarsi in merito, il Ministero che ha decretato l’impossibilità di una prosecuzione del rapporto lavorativo considerate le trasgressioni rispetto alle misure cautelative anti Covid. Le sue dichiarazioni e le sue disposizioni in classe non sono piaciute né alla dirigente scolastica, Lorella Zauli, né ai genitori degli alunni; secondo la maestra infatti il Covid colpirebbe solo gli anziani.

Più volte, i genitori, avevano manifestato la loro contrarietà rispetto ai suoi metodi richiedendo, senza mezzi termini, che la maestra fosse dispensata dall’insegnare ai propri figli.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Nuovo Dpcm, le norme per la visita a parenti e amici

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

scuola elementare treviso
(Getty Images)

La caparbia dei genitori nonché della dirigente scolastica ha avuto, quindi, la meglio in merito alla sospensione della maestra. Intervenuti nella vicenda, inoltre, anche il sindaco, Mario Conte, e il Prefetto.