Tiziana Cantone, le rivelazioni inquietanti della madre

Il caso Tiziana Cantone torna ad aprire i fascicoli del tribunale di Aversa, che avevano dato la serrata definitiva con il movente del suicidio. Parla la madre

caso tiziana cantone parla madre
Maria Teresa Giglio, madre di Tiziana Cantone a “Quarto Grado” – Screenshot Instagram

Durante l’ultima puntata di “Quarto Grado” su Rete 4 si è tornati a parlare del caso di Tiziana Cantone, la 31enne di Mugnano di Napoli, trovata morta nel suo appartamento 4 anni fa. La vicenda sulla ragazza è diventata un “giallo” con il passare del tempo e degli anni, fino ad arrivare nelle aule del tribunale di Aversa. I cui giudici ne avevano abbassato la “saracinesca”, decretando come suicidio, la causa della morte.

In questo contesto di prematura indagine della giustizia, i genitori della ragazza non hanno perso mai la speranza di individuare nel caso, un movente di omicidio doloso volontario. In particolare la madre della ragazza ha portato avanti con fermezza e convizione l’ipotesi di omicidio ai danni della figlia Tiziana. Rea di essersi tolta la vita, dopo aver intercettato delle immagini video di revenge porn con il ragazzo, all’interno delle quali si è riconosciuta

LEGGI ANCHE —–> Massacro in una sauna: sette persone uccise a coltellate da un uomo

Caso Tiziana Cantone, parla la madre: “Mia figlia non è morta perchè…”

caso tiziana cantone parla madre
Maria Teresa Giglio, madre di Tiziana Cantone – Screenshot Instagram

LEGGI ANCHE —–> Roma, strage di anziani in RSA: motivo della morte sconcertante

A quattro anni dalla scomparsa della 31enne di Mugnano, Tiziana Cantone, il caso potrebbe subire una clamorosa riapertura delle indagini. Il merito è quasi interamente della madre, Maria Teresa Giglio che ha spinto gli inquirenti ad approfondire le dovute ricerche sulla vicenda che ha portato al presunto suicidio/omicidio della figlia.

Le tracce rinvenute sulla sciarpa, che sarebbe stata utilizzata dall’aggressore sul collo della figlia ha spinto il magistrato della Procura di Aversa guidata dal procuratore Francesco Greco, alla riapertura di un fascicolo per frode processuale. Oltre alla sciarpa, infatti pare che siano state manomesse eventuali contenuti su smartphone e tablet della ragazza, al momento dell’uccisione.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter

tiziana cantone parla madre
Tribunale (GettyImages)

Quando tutto sembrava essere accantonato, ecco dunque l’assalto alla giustizia di Maria Teresa Giglio. Che di recente ha rilasciato un’intervista a “Quarto Grado” su Rete 4, affermando che Mia figlia non si è uccisa da sola”. Oltre ad aver accusato pesantemente gli inquirenti, rei di aver commesso troppe leggerezze sul caso