Bollettino del 19 gennaio: oltre 600 decessi nelle ultime 24 ore

Il Ministero della Salute, nella giornata di oggi, martedì 19 gennaio, ha comunicato i numeri dell’epidemia da coronavirus in Italia tramite bollettino.

Bollettino coronavirus mappa regione
(Ministero della Salute)

Pubblicato il bollettino relativo all’epidemia da Coronavirus, diffusasi in Italia. Stando ai dati odierni del Ministero della Salute, i casi di contagio complessivi dall’inizio dell’emergenza sono saliti a 2.400.598 con un incremento di 10.497 rispetto a ieri. Ancora in calo i soggetti attualmente positivi che risultano essere 535.524, ossia 11.535 in meno rispetto a ieri, così come i ricoveri in terapia intensiva2.487 in totale e 57 in meno di ieri. In crescita anche il numero dei guariti che è giunto a 1.781.917 con un incremento di 21.428 unità. Nelle ultime 24 ore si sono registrati 603 decessi che hanno portato il bilancio totale delle vittime a 83.157.

La Regione Emilia Romagna, si legge nelle note, ha comunicato l’eliminazione di 1 caso dei giorni passati, in quanto giudicato non caso Covid-19.

Coronavirus, bollettino: i numeri del Covid-19 in Italia nella giornata di lunedì 18 gennaio

Coronavirus bollettino Italia gennaio
(Getty Images)

Aggiornato lo stato dell’epidemia da Coronavirus, diffusasi in Italia. Stando alla tabella sanitaria di ieri del Ministero della Salute, i casi di contagio complessivi erano saliti a 2.390. Proseguiva il calo dei soggetti attualmente positivi che risultavano essere 547.058. Tornavano in crescita i pazienti i ricoverati in terapia intensiva: 2.544 in totale. Saliva anche il numero dei guariti che era giunto a 1.760.489. Purtroppo si aggravava il bilancio totale delle vittime che portavan il totale a 82.554.

La Regione Abruzzo, si leggeva nelle note, comunicava che erano stati riallineati il numero delle persone testate e dei tamponi processati con test molecolare e con test antigenico rapido.

A partire dal 15.01.2021, si leggeva ancora, la trasmissione dati rispetta quanto disposto dalla Circolare “Aggiornamento della definizione di caso COVID-19 e strategie di testing” n.705 del 08.01.2021.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —>  Bollettino del 18 gennaio: i numeri dell’epidemia in Italia

Coronavirus, bollettino: i numeri del Covid-19 in Italia nella giornata di domenica 17 gennaio

Il Ministero della Salute, nella giornata di domenica, ha pubblicato il bollettino quotidiano sull’epidemia da Coronavirus in Italia. Stando alla tabella sanitaria i casi di contagio complessivi erano saliti a 2.381.277. Ancora in calo i soggetti attualmente positivi che ammontavano a 553.374, così come i pazienti i ricoverati in terapia intensiva che risultavano essere 2.503. Il numero delle persone guarite era giunto a 1.745.726 . Nelle ultime 24 ore si erano registrati 377 decessi che portavano il bilancio totale delle vittime nel nostro Paese a 82.177.

La Regione Emilia Romagna, si leggeva nelle note, eliminava 1 caso dei giorni precedenti in quanto giudicato non caso Covid-19. Il Molise segnalava che gli 80 casi comunicati sabato come test antigenico erano anche positivi al test molecolare.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —>  Bollettino del 17 gennaio: in calo i ricoveri in terapia intensiva

Variante inglese Covid19: lo strano caso di un comune in provincia di Chieti

La Regione Abruzzo continua a mostrare segni di miglioramento quanto a contagi da Covid-19, eppure una variabile fa salire l’allarme. All’interno dei confini regionali, infatti, si sarebbe registrata la presenza nei casi di positività di ben due varianti tra cui quella inglese. In particolare nel comune di Guardiagrele, in provincia di Chieti, un paese di 880 anime, tra i 176 positivi sarebbero ben 36 i soggetti colpiti dal ceppo mutato d’Oltremanica.

Sul punto è intervenuto il Primo Cittadino Donatello Di Prinzio, il quale ha spiegato cosa sarebbe successo. In sostanza il focolaio sarebbe scoppiato a ridosso delle festività natalizie ed avrebbe visto coinvolto una famiglia molto numerosa. Nessuno di loro, però, avrebbe effettuato viaggi all’estero, ciò implicherebbe quindi che il contagio sarebbe avvenuto per contatto con altri soggetti. Per tale ragione ha proseguito, effettuare screening è di fondamentale importanza: bisogna risalire all’origine.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —>Variante inglese Covid19: lo strano caso di un comune in provincia di Chieti

Coronavirus, il coordinatore del CTS Miozzo: “Ottimista sull’andamento della curva”

Grazie alle misure adottate dal Governo per il periodo natalizio, pare che la curva dei contagi si stia lentamente abbassando. I numeri però continuano a mantenere alta la tensione. Sul punto è intervenuto Agostino Miozzo, coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico il quale ha dichiarato che l’Italia ha lavorato bene durante in corso delle festività e che i risultati si stanno ottenendo. Tuttavia, a suo dire, il Paese sarà realmente salvo quando si giungerà all’immunità di gregge.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Coronavirus, il coordinatore del CTS Miozzo: “Ottimista sull’andamento della curva”

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.


Il professor Miozzo si è poi concentrato sulla proroga dello stato di emergenza al 30 aprile. A suo avviso all’esito di questo ulteriore periodo è possibile che ci sarà un nuovo slittamento, ma a determinarlo saranno solo i dati.