Maria Rosaria Rossi vota sì alla fiducia: partito senza parole la espelle

Maria Rosaria Rossi ha dato il suo sì a Conte. La senatrice ha lasciato tutti senza parole. Il partito l’ha espulsa. 

Governo, discorso di Conte alla Camera
Giuseppe Conte (Getty Images)

Maria Rosaria Rossi vota sì per Conte. Un gesto che ha spiazzato tutti. La senatrice di 48 anni è stata per diverso tempo la segretaria politica personale di Silvio Berlusconi. In passato era stata definita  la sua “badante”. Un doppio smacco visto che accanto al sì della Rossi si è aggiunto anche quello di Andrea Causin.

Con questa scelta il partito di Forza Italia è rimasto senza parole. Per quanto riguarda la Rossi secondo alcune indiscrezione da mesi il rapporto con Silvio Berlusconi si sarebbe raffreddato. Sembrerebbe che la senatrice si sentisse tradita e che non avrebbe mai nascosto questi sentimenti di delusione. Conseguenza immediata per lei l’espulsione dal partito.

Classe 1972, di Pedimonte Matese, lascia il partito a cui era fedelissima da anni. Antonio Tajani ha ribadito che la fiducia al governo non vale come “voto di coscienza”. Forza Italia ha confermato:  “È stato subito Berlusconi a dire a Tajani di buttarla fuori”.

” La sua condotta, di cui nessuno aveva sentore, è vergognosa, riprovevole, indegna” , ha affermato Maurizio Gasparri.

LEGGI ANCHE > Giuseppe Conte, discorso alla Camera: “Concentrati sulla crisi del Paese”

Maria Rosaria Rossi: il sì che spiazza tutti

berlusconi sulla campagna vaccinale
Silvio Berlusconi (Photo by Giorgio Cosulich/Getty Images)

LEGGI ANCHE > Governo, Conte e la fiducia alla Camera: parlano i voti

Maria Rosaria Rossi inizia la sua carriera in politica nel 2006. Ex animatrice e pr, ha una grande determinazione che ben presto viene notata da Berlusconi. Con la Pascale, futura fidanzata di Silvio, la Rossi compare nel noto video “Meno male che Silvio c’è”.

Nel 2008 viene eletta nella circoscrizione Lazio1 e inizia la sua attività nella Commissione Giustizia. Diviene poi senatrice del Pdl per poi rientrare lo stesso anno nella rinata Forza Italia. Nel 2018 viene rieletta. Con il sì a Conte gira le spalle al partito per i quale ha lavorato per anni. Le stessa spiega le ragioni di questa scelta.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

Maria Rosaria Rossi vota sì per Conte
Maria Rosaria Rossi (screenshot da Instagram)

“Non ho condiviso la mia decisione con Berlusconi, il mio rapporto di stima e amicizia con lui rimane immutato. Ho votato la fiducia a Conte perché unica nostra interfaccia in Italia e nel mondo. Il premier non è esponente dei partiti, ha una visione liberale ed europeista”, le parole di Maria Rosaria dopo aver salutato Palazzo Madama.