Il tamarindo, come si cucina e quali sono le sue proprietà benefiche

Il tamarindo è un frutto esotico ricco di benefici per la nostra salute. Le sue incredibili proprietà lo rendono perfetto in caso di irregolarità intestinale o infezioni. Tuttavia, il tamarindo è anche un ingrediente prezioso in cucina che sta diventando sempre più popolare e di tendenza. 

tamarindo
Il tamarindo è un frutto esotico molto particolare che può apportare benefici all’organismo e perfetto per insaporire piatti dal sapore esotico (Foto di PublicDomainPictures da Pixabay)

In questo articolo ti spiegheremo quali sono i benefici che puoi trarre da questo frutto particolarismo e ti mostreremo la preparazione di alcuni piatti esotici e di alcuni long drink molto saporiti per fare un figurone durante le cene e gli aperitivi con gli amici.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Come usare la curcuma in cucina, tutte le proprietà di una spezia miracolosa

Il tamarindo, cos’è e da dove viene il frutto esotico che fa impazzire gli chef

tamarindo
Il tamarindo è un frutto tropicale che viene usato anche come spezia nella cucina orientale (Foto di Ambady Sasi da Pixabay)

Il tamarindo è un albero da frutto tropicale appartenente alla famiglia delle Fabaceae, originario dell’Africa Orientale e dell’India, ma coltivato anche in molte aree tropicali asiatiche e dell’America Latina.

Il frutto di quest’albero viene utilizzato per l’alimentazione, per scopi ornamentali e anche per le sue proprietà medicinali.

Ha una crescita molto lenta che lo rende dunque particolarmente prezioso e costoso, soprattutto in Europa dove viene importato. Un antico proverbio orientale dice: “chi pianta tamarindi non raccoglie tamarindi”.

Basti pensare che in condizioni normali e senza particolari problemi legati al suolo o a eventi atmosferici l’albero fruttifica non prima del suo sesto-settimo anno d’età.

Il tamarindo è un albero sempreverde, molto massiccio e robusto. Nonostante la sua crescita lenta è un albero molto longevo capace di diventare plurisecolare. In condizioni particolarmente favorevoli può arrivare anche a trenta metri di altezza e più di sette metri di circonferenza.

Come accade in altre specie di Mimosoidee, le foglie si richiudono durante la notte. I suoi fiori sono poco appariscenti, lunghi circa 2,5 cm gialli con strie rosse o arancioni, riuniti in infiorescenze. Hanno 5 petali e un calice di quattro sepali caduchi alla fioritura.

Il frutto è una sorta di un legume che pende, lungo 10–15 cm e leggermente incurvato. I frutti del Tamarindo contengono una polpa marrone succosa ed edule e dei semi duri appiattiti e lucenti.

Il termine “tamarindo” deriva dall’arabo “tamr hindi” che vuol dire letteralmente “dattero dell’India”. Infatti la sua forma e il suo colore ricordano proprio un dattero.

Come abbiamo detto, il tamarindo è originario dell’India e dell’Africa Orientale anche se oggi viene coltivato in sud America e nei paesi dal clima tropicale. Ma come ha fatto questo frutto così particolare a giungere fino a noi?

Il tamarindo giunse in Europa portato dai crociati. Ai tempi della regina Vittoria, gli inglesi che vivevano a Goa in India, tenevano un baccello di tamarindo nell’orecchio quando si recavano nei quartieri dei nativi per tenerli lontano.

Infatti essi pensavano che i baccelli fossero abitati da demoni. Da allora i coloni furono chiamati “ teste di tamarindo” con accezione negativa e con l’intento canzonatorio.

In Italia, invece, il tamarindo è conosciuto per essere uno sciroppo che si allungava con acqua ghiacciata, molto rinfrescante. Si tratta di un prodotto di grande diffusione e successo sin dal suo esordio nel 1898.

Basti pensare che ancora oggi lo possiamo trovare in commercio nella sua confezione originale: un’elegante bottiglia quadrata, con una etichetta bianca e rossa che racconta la storia e le virtù del prodotto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Come usare il coriandolo in cucina e quali sono le sue proprietà benefiche

I benefici per l’organismo del tamarindo

colon
Il tamarindo è perfetto in caso di colon irritabile ma viene anche usato per curare i disturbi gastro intestinali (Foto di Alicia Harper da Pixabay)

Come abbiamo detto, il tamarindo viene usato anche per fini curativi ed è in grado di dare benessere in alcuni casi specifici. Il principio attivo del tamarindo è attivo contro aspergillus niger cioè un fungo intestinale e contro la candida.

Alcuni studi in via di sperimentazione dimostrano la sua particolare efficacia contro lo stafilococco aureo e l’escherichia coli un batterio che può provocare malattie nell’uomo e negli animali.

Polpa, foglie e corteccia hanno applicazioni mediche. Per esempio, nelle Filippine e nel Sudan le foglie sono state tradizionalmente usate per tisane utili a contrastare le febbri malariche.

In India è usato nella medicina ayurvedica per problemi gastrici o digestivi e contro il mal di denti. In Italia le sue proprietà erano già note ai tempi della Scuola medica salernitana, Pietro Andrea Mattioli del 1500 che lo definiva utile “per far muovere il corpo”.

A basse dosi regola la funzione intestinale, mentre a dosi più alte ha un effetto lassativo. In questo caso può essere assunto con regolarità da chi soffre di stitichezza. 

Tuttavia il tamarindo presenta una speciale azione antiossidante imputabile alla presenza di alcune sostanze, acido caffeico e tartarico, in grado di inibire la produzione dei radicali liberi contrastando i loro effetti negativi su tutto l’organismo.

Non è consigliabile utilizzare il tamarindo se stai seguendo un regime alimentare consigliato poiché questo frutto è caratterizzato da un importante profilo nutrizionale. Il frutto è composto principalmente da zuccheri, acqua e fibre.

Il tamarindo è però molto ricco inoltre di sali minerali, in particolare: potassio, fosforo, magnesio, sodio, calcio e selenio.

Nonostante il tamarindo sia un frutto poco usato nella cucina Mediterranea, oggi è facilmente reperibile nella grande distribuzione, dunque in molti supermercati, nei reparti dedicati alla frutta tropicale.

Oltre al frutto vero e proprio, però, è possibile comprare anche le gelatine, le creme e le marmellate derivate dalla lavorazione della buccia. Puoi trovare questo frutto insieme con altre erbe come il finocchio anche in erboristeria, per la preparazione delle tisane.

Nei negozi specializzati nella vendita di prodotti etnici potete trovare anche la pasta di tamarindo, assai utilizzata per la preparazione zuppe di verdure da arricchire poi di pesci o crostacei.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —>  Come usare il cardamomo, la spezia orientale che sta spopolando anche in Europa

Il tamarindo in cucina: piatti gourmet e della tradizione orientale

tamarindo
Il tamarindo ha un sapore incredibile e molto aromatico per questo è perfetto da usare in piatti della tradizione orientale ma anche in innovativi piatti gourmet (Foto di Trương Hoàng Huy Ngân da Pixabay)

Come ti abbiamo già detto, il tamarindo è un frutto non molto utilizzato nella cucina Mediterranea. Tuttavia, specialmente negli ultimi anni, il tamarindo è sempre più richiesto per preparare piatti esotici ma anche per arricchire dei piatti della tradizione dandogli un gustoso tocco gourmet.

In alcune ricette della cucina occidentale il tamarindo viene utilizzato nella preparazione di bevande rinfrescanti, nella salsa Worcestershire e nella salsa HP, un tipico condimento britannico.

La pasta di tamarindo ha molti usi culinari tra cui un l’uso nei chutney, in particolare quelli indiani e pakistani, nei curry e negli sciroppi. Nella cucina thailandese, invece, viene utilizzato nella preparazione di piatti famosi come il pad thai e alcuni tipi di curry.

  • Galletto al tamarindo. Questo è un piatto gustosissimo la cui preparazione riprende gli odori ed i sapori orientali, grazie all’unione dei funghi, peperoni ma soprattutto la salsa al tamarindo. E proprio da quella inizieremo sbucciando il tamarindo ed eliminando tutti gli ossicini. Metti la polpa in un pentolino con zucchero, succo di limone, aglio e sale. Aggiungi l’acqua ed amalgama gli ingredienti mescolandoli. Trasferisci il pentolino sul fuoco e porta ad ebollizione facendo addensare la salsa. A questo punto passiamo al galletto che avrai precedentemente pulito, lavato e tagliato a pezzi e mettilo in un recipiente molto capiente, ricoprilo con la salsa al tamarindo facendo in modo che tutti i pezzi saranno ben impregnati. Copri il recipiente con della pellicola e metti il galletto a riposare in frigo. A questo punto pulisci delle verdure. Noi ti consigliamo i peperoni rossi e gialli o i funghi ma puoi usare le verdure che più ti piacciono. Pulisci la verdura e mettila da parte. A questo punto fai rosolare il galletto con una dose generosa di olio extra vergine di oliva o, meglio ancora, con dell’olio di cocco. Quando i pezzi saranno ben rosolati aggiungi le verdure. Una volta che hai mescolato il tutto, ricopri con un coperchio e fai cuocere per 20 minuti. In ultimo regola di sale e di pepe. Adesso aggiungi del coriandolo tritato e il piatto è pronto.
  • Pad Thai con pollo e tamarindo. Si tratta di un classico della cucina thailandese molto amato in tutto il mondo e povero di grassi e ricco di antiossidanti. Attenzione perché. se lo preferisci, il pollo può essere tranquilla mente sostituito con dei gamberi o con del vitello. Inizia subito mettendo in una ciotola di vetro degli spaghetti di riso o noodle e coprili con acqua bollente. Mettili da parte e aspetta per circa 15 minuti in modo che gli spaghetti diventino flessibili. Quindi scolali e mettili da parte. Nel frattempo, in una ciotola, unisci zucchero di canna, succo di lime, tamarindo, salsa di soia, peperoncino e pepe macinato. Mescola bene e metti da parte anche questo. Nel frattempo condisci il pollo o i gamberi o dei bocconcini di carne di manzo con del pepe nero. Ungi il wok (se non hai il wok va bene una padella grande anti aderente) con l’olio d’oliva o con olio di cocco e mettilo su fuoco medio-alto. Aggiunge il pollo e soffriggo per 3-4 minuti sino a cottura ultimata. Adesso lava e asciugate il wok, ungilo nuovamente e mettilo su fuoco medio-alto. Aggiungi la cipolla e falla soffriggere. Poi metti le verdure, noi ti consigliamo fagiolini e broccoli e aggiungi anche due cucchiai d’acqua. Soffriggi per due minuti cuocendo le verdure ma mantienile croccanti e di un verde brillante. Aggiungi i pomodori e l’aglio e soffriggi per un altro minuto facendo appassire i pomodori. Adesso metti le verdure su un lato del wok, ungi l’altro e versateci gli spaghetti di riso. Fai rosolare per un minuto. Infine, unisci germogli di soia e basilico, togli dal fuoco, e mescola di nuovo.
  • Patate speziate con salsa di tamarindo. Questo è un contorno sfizioso ma può essere anche usato come snack per accompagnare un delizioso aperitivo. E’ molto saporito e semplicissimo da preparare. Inizia preparando la salsa al tamarindo. Metti la polpa del tamarindo in un pentolino con zucchero, succo di limone, aglio e sale. Aggiungi l’acqua ed amalgama gli ingredienti mescolandoli. Trasferisci il pentolino sul fuoco e porta ad ebollizione facendo addensare la salsa. Versala in una terrina e tienila da parte. Poi prendi una patata gialla, una rossa e una viola, lavale per bene e tagliale a spicchi tenendo la buccia. Metti le patate tagliate a bagno per circa un’ora in modo tale che perdano un po’ d’amido. Nel frattempo porta il forno a una temperatura superiore ai 200 gradi. Scola le patate, asciugale bene e poi trasferiscile in una teglia. Mettici del sale, pepe nero e un pizzico di paprika dolce. Quando il forno avrà raggiunto la temperatura inforna le patate e quando queste saranno diventate leggermente dorate cospargile con la salsa al tamarindo. Continua la cottura e quando saranno pronte spegni il forno ma lasciale riposare all’interno per circa 10 minuti in modo tale che diventino ancora più croccanti e golose.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> La cannella, come si usa in cucina e quali sono le sue proprietà benefiche

Ecco il “Tamarita”, il cocktail dal sapore fresco e speziato e di super tendenza

Il tamarindo viene utilizzato anche dai bartender per la preparazione di fantastici drink aromatici (Foto di RitaE da Pixaba)

Il “Tamarita” è un cocktail fantastico, particolarissimo e dal sapore molto speziato a base di tequila e salsa al tamarindo. Va servito in un calice a coppa tipo quello per il Margarita e il metodo di preparazione è veramente divertente e speciale.

Inizia subito prendendo la coppa e affondando il bordo di una coppa da Margarita nel pepe e peperoncino in polvere. Poi versa 1.5 cl di succo di lime, 2.5 cl di salsa di tamarindo, 2.5 cl di Triple sec e 5 cl di tequila argento in uno shaker.

Infine, riempi lo shaker con i cubetti di ghiaccio e shakera per bene. Infine, filtra il liquido nella coppa da Margarita ghiacciata e guarnisci con una foglia di menta.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Il tamarindo e le controindicazioni di un consumo smodato

dolore addominale
Tra gli effetti indesiderati del consumo eccessivo di tamarindo ci sono dolori addominali e fastidi intestinali (Foto di Martin Büdenbender da Pixabay)

Il tamarindo è un frutto molto particolare da consumate con molta cautela perché potrebbe interferire con altri medicinali ed è per questo che bisogna sempre comunicarne al proprio medico di base l’utilizzo.

Attenzione infine a non esagerare con marmellate, salse e sciroppi a base di tamarindo perché il consumo eccessivo può provocare disturbi gastro intestinali date anche le sue proprietà lassative.