Materiale pornografico inviato ad una bimba 11enne, subito rintracciato

L’invio di un video pornografico ad una bambina di 11 anni viene intercettato e scatta la denuncia per corruzione di minore.

materiale pornografico bimba 11enne
Smartphone (Getty Images)

Il fatto è accaduto negli ultimi giorni in provincia di Cagliari. A scoprire in breve tempo dell’accaduto è stata la stessa madre della bambina di undici anni. La quale, dopo aver già intercettato un messaggio contenente il materiale pornografico, ha subito sporto denuncia alle autorità. In seguito ad una prima indagine, l’arma dei Carabinieri è facilmente riuscita a scoprire a chi appartenesse il dispositivo telefonico. Lo stesso da cui era stato inviato il video incriminato.

Leggi anche —>>> Sentenza storica: l’inquinamento causa della morte di una bimba

Materiale pornografico ad una bimba: il provvedimento

Precipita con l’auto giù da un ponte, morto il conducente 35enne alla guida
Carabinieri (Foto di djedj da Pixabay)

Potrebbe interessarti anche —>>> OnlyFans: gli adolescenti sempre più attratti dal mondo a luci rosse

Si tratta di un ragazzo ventenne. Le autorità hanno poi chiarito le dinamiche. Pare che sia stato pienamente cosciente dell’età della bambina. Prima ancora che inviasse il messaggio. E dunque che non si sia trattato soltanto di uno spiacevole equivoco. La donna ha prontamente denunciato il ragazzo, sul quale adesso grava l’accusa di aver corrotto con i suoi comportamenti una minore.

La Procura di Cagliari sta momentaneamente procedendo con le indagini di approfondimento in merito al caso. Oltre al primo video risulterebbero anche altri messaggi di testo, inviati dal giovane ed unicamente a sfondo sessuale.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

materiale pornografico bimba 11enne
Persone con smartphone (Getty Images)

Prima ancor che il responsabile venisse scoperto era già stato intercettato tramite una sua chiamata dalla madre della bimba. In seguito alla quale lui si sarebbe momentaneamente astenuto dall’inviare degli altri contenuti fuori luogo. Il dispositivo del ragazzo è stato sequestrato e la sua casa perquisita nel caso ci fossero stati altri precedenti.