Omicidio Vannini, Marina Conte: “Invitata a un confronto in tv con l’assassino di Marco”

Marina Conte, mamma di Marco Vannini, ha commentato l’ospitata di Antonio Ciontoli durante l’intervista televisiva di Selvaggia Lucarelli

Marco Vannini e Martina Ciontoli (foto dal web)

Marina Conte è la mamma di Marco Vannini, il giovane ucciso la notte tra il 17 e 18 maggio 2015 in casa della fidanzata di Ladispoli. Il 16 gennaio scorso la giornalista Selvaggia Lucarelli nel corso del programma “L’Ultima Difesa” su Discovery Plus ha ospitato Antonio Ciontoli, condannato a 14 anni per omicidio, volontario per porgli alcune domande. Alla mamma di Marco, Marina Conte, è stato chiesto di commentare l’ospitata televisiva. “Poiché si sta parlando di una intervista televisiva ad Antonio Ciontoli – ha scritto in una nota Marina Conte, molti mi chiedono perché questo signore continui a godere di ampie protezioni e, soprattutto, come sia consentito (trasmettendo ai nostri giovani un messaggio terrificante) ad un condannato per omicidio di andare in televisione a spargere lacrime tardive ed insincere, invece di andare a scontare la sua pena”.

LEGGI ANCHE -> Marco Vannini, la nuova richiesta di Antonio Ciontoli

Omicidio Vannini, la risposta di Marina Conte all’ospitata televisiva di Antonio Ciontoli

marina conte caso vannini
Genitori di Marco Vannini (Foto dal web)

LEGGI ANCHE -> Omicidio Yara Gambirasio, la Cassazione: I ricorsi di Bossetti sono fondati

“Non lo so – ha proseguito Marina Conte -. Le nostre leggi sono queste, dobbiamo rispettarle e Ciontoli può andare dove vuole e chi vuole (secondo le proprie intenzioni, valutazioni e convenienze) può ospitarlo. Io aspetto fiduciosa la prossima Sentenza della Cassazione”. La mamma di Marco ha poi dichiarato che fu invitata a partecipare al programma: “È giusto che si sappia, inoltre, che io (tramite il mio avvocato, che immediatamente comunicò uno sdegnato rifiuto) fui invitata a partecipare a quell’intervista per “confrontarmi” con Antonio Ciontoli. Avete capito bene: avrebbero voluto che partecipassi ad un “confronto” con l’assassino di mio figlio! Ma questa indecenza non è stata sufficiente: mi hanno anche negato la possibilità di replicare”.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter

Marina Conte ha poi concluso la nota con queste parole: “Non ho commenti da fare. Ho perso un figlio meraviglioso ed ogni giorno parlo con lui, confrontandomi con la mia tragedia ed a tutti questi signori dico: non potete farmi più niente. Ripeto: io aspetto fiduciosa la prossima e definitiva Sentenza della Cassazione”.